Reclami a Sky Dazn per pratiche commerciali scorrette verso i consumatori - Arriva l'istruttoria Antitrust

Sono uno di quelli che ha protestato, e lo sta facendo ancora, per l'assurda e scomoda sorpresa di quest'anno nel mondo del calcio: ovvero l'obbligo di abbonarsi a due compagnie, Sky e Dazn, per poter guardare la serie A.

E' possibile che non si muove nulla?

Dopo le rivolte dei consumatori, in privato o tramite le associazioni, è arrivata, finalmente, l'istruttoria dell'Antitrust (Agcm) che indaga sulle presunte pratiche commerciali scorrette di Sky e Dazn ai danni dei consumatori italiani.

Nel dettaglio, l'Agcm punta l'indice contro le due società per alcune presunte violazioni del Codice del Consumo, tra cui la pubblicità ingannevole, le pratiche commerciali scorrette, e le violazioni dei diritti dei consumatori nei contratti.

Nello specifico, Sky avrebbe indotto a pensare i nuovi clienti che l'intera Serie A fosse inclusa nell'offerta, promuovendo lo slogan il tuo calcio, tutto da vivere.

Viene contestato, inoltre, anche il rinnovo automatico del pacchetto Calcio per i clienti già abbonati: costoro sarebbero stati, secondo l'Antitrust, portati a credere che l'offerta inclusa fosse la stessa dell'anno precedente, cioè con tutte le partite di Serie A.

Per finire, Sky avrebbe violato anche l'articolo 65 del Codice del consumo in quanto non avrebbe acquisito il consenso da parte del cliente proponendo un servizio nuovo rispetto all'abbonamento principale sottoscritto.

Per quanto riguarda DAZN, invece, si contesta la mancanza di trasparenza.

In primis, Perform non ha mai parlato dei limiti tecnici della nuova piattaforma, che ne impediscono ancora oggi la completa fruizione.

Anzi, lo slogan utilizzato per promuovere il servizio sottolineava la possibilità per l'utente di goderne ovunque si trovi.

Anche l'altro motto non c'è contratto, potrai disdire ogni mese viene contestato dall'Antitrust.

Quest’ultima precisa che, creando un nuovo account, l'utente stipula un contratto e che il mese gratuito viene automaticamente rinnovato a meno che l'utente stesso non eserciti l'eventuale recesso.

La terza condotta contestata è legata alla seconda, ovvero la presunta aggressività derivante dall'addebito automatico dei costi mensili del suddetto contratto in assenza dell'acquisizione di un consenso consapevole da parte del consumatore.

Seguiremo gli sviluppi della vicenda e staremo a vedere.

18 ottobre 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Commercializzazione dei pacchetti delle partite di calcio per la stagione 2018/2019 » Antitrust avvia istruttorie nei confronti di SKY e DAZN per presunte pratiche commerciali scorrette e possibili violazioni dei diritti dei consumatori
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato, su segnalazione di singoli consumatori e di alcune Associazioni di consumatori, due procedimenti istruttori per presunte pratiche commerciali scorrette e possibili violazioni dei diritti dei consumatori nei confronti di SKY Italia S.r.l. e di Perform Investment Limited e Perform Media Services ...
Pratiche commerciali scorrette - Confermata la multa inflitta dall'Antitrust ad H3G
Il Tar del Lazio ha confermato la multa di 1,75 milioni di euro inflitta lo scorso gennaio dall'Antitrust ad H3G (3 Italia) per pratiche commerciali scorrette nei servizi premium utilizzati via internet da terminale mobile. I giudici amministrativi hanno infatti respinto un ricorso proposto dall'operatore di telefonia mobile. La questione ...
Pratiche commerciali scorrette ai danni del consumatore
Una pratica commerciale è scorretta se è contraria alla diligenza professionale, ed è falsa o idonea a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge o al quale è diretta o del membro medio di un gruppo qualora la pratica commerciale ...
Pratiche commerciali scorrette » Agcm vs Groupon
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) ha deciso di avviare un procedimento per verificare possibili pratiche commerciali scorrette da parte di Groupon. L'istruttoria è stata avviata alla luce delle denunce presentate da alcune associazioni dei consumatori. Groupon, il noto sito web che vende servizi a prezzi scontati attraverso ...
Recupero crediti e pratiche scorrette » Antitrust multa Fire S.p.a.
Un nuovo provvedimento dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm), su segnalazione di Confconsumatori, ha sanzionato la società di recupero crediti Fire spa per 300 mila euro. Recupero crediti e pratiche scorrette » La vicenda L'Agcm, con il provvedimento 24473, ha multato l'impresa di Messina per pratica aggressiva perchè, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca