Nucleo familiare di madre e figlio conviventi – Come costituire due nuclei familiari separati?


Madre e figlio conviventi nella medesima unità abitativa, essendo parenti, non possono costituire nuclei familiari distinti


Sono un 54enne disoccupato da 6 anni, invalido civile al 46% e vivendo con mia madre pensionata non riesco ad avere il sussidio: poiché abitiamo in una villetta con seminterrato abitabile con una entrata a parte, un parente mi ha detto che potrei ottenere il reddito di cittadinanza se figurasse che ognuno di noi due vive a un piano diverso. Lui lo aveva già fatto in passato per ottenere dei sussidi. Nel suo caso la mamma era al piano terra e lui al primo mantenendo le stesse utenze. È possibile?

Madre e figlio conviventi nella medesima unità abitativa, essendo parenti, non possono costituire nuclei familiari distinti: affinché madre e figlio possano entrambi costituire un nucleo familiare a se stante, è necessario che ciascuno di essi occupi una unità abitativa distinta. Beninteso ciò vale se, e solo se, il figlio ha compiuto i 26 anni.

Per unità abitativa si intende un appartamento ubicato in un edificio nel territorio comunale e caratterizzato da un numero civico ed un interno (l’interno può anche non essere presente se l’edificio è formato da un’unica unità abitativa).

L’unità abitativa unica (nella fattispecie la villetta) deve allora essere ripartita catastalmente in due interni, ovvero in due unità abitative.

Solo così madre e figlio potranno entrambi chiedere il trasferimento di residenza ad una delle due nuove unità abitative ricavate dalla divisione (caratterizzate dallo stesso civico e da interni diversi): si tenga conto che l’anagrafe e la polizia municipale, ricevute le richieste di trasferimento di residenza, possono (devono) effettuare controlli e verificare la reale esistenza dei due appartamenti ricavati all’interno della villetta.

Simulando la ripartizione della villetta in due interni che non corrispondono alla mappa catastale dell’edificio, si rischia, con la richiesta di trasferimento di residenza ad una unità abitativa non presente in catasto e non esistente, una denuncia penale per dichiarazione mendace, oltre alla decadenza del beneficio eventualmente ottenuto con l’ISEE (nella fattispecie revoca del reddito di cittadinanza e restituzione delle eventuali mensilità corrisposte dall’INPS al beneficiario non in regola con i requisiti richiesti).

2 Gennaio 2022 · Roberto Petrella





Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Nucleo familiare di madre e figlio conviventi – Come costituire due nuclei familiari separati?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.