Ravvedimento Operoso in materia di Tarsu/Tasi

A suo tempo abbiamo inviato una dichiarazione con la quale abbiamo comunicato che i mq di un box/garage C2 Classe 7 erano 20: in data 05/03/2018 il Comune ci ha inviato una richiesta di Comunicazione dei dati Catastali identificativi presso cui è attivato il servizio rifiuti solidi urbano (Articolo 1 Commi 332, 333 3 334 – Legge 311/2004 e successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 194022/2007. Dietro questa richiesta abbiamo verificato e rilevato che i mq erano 42 cosi come quelli indicati in Catasto.

Tramite un modulo allegato abbiamo inviato la comunicazione con la rettifica da 20 a 42 mq. A questo punto mi chiedo, visto che ancora non è arrivato l’accertamento, è possibile utilizzare l’Istituto del Ravvedimento Operoso per gli anni dal 2014 al 2018, evitando quindi di pagare per ogni anno l’intera Sanzione del 30%?

Per quel che attiene l’omesso o insufficiente versamento del tributo locale dovuto per lo smaltimento dei rifiuti (sia esso TARSU, TARI o TARES) è prevista, dalla normativa vigente e limitatamente a quanto possa interessare nel contesto riportato, la possibilità di ravvedimento operoso lungo o di ravvedimento operoso lunghissimo.

Si può aderire al ravvedimento operoso lungo a partire dal dal 91° giorno in cui è stata presentata dichiarazione infedele fino a che non sia decorso un anno.

Si può aderire al ravvedimento operoso lunghissimo senza alcun limite di tempo decorrente dalla data in cui è stata presentata dichiarazione infedele se, e solo se, la mendace dichiarazione non sia stata già constatata o non sia iniziato l’accertamento d’ufficio.

Ricordiamo che l’articolo 1, comma 161, della legge 296/2006 (legge finanziaria 2007) dispone che gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all’accertamento d’ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d’ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

13 Gennaio 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Arretrati IMU - Vorrei regolarizzare le pendenze utilizzando il ravvedimento operoso ma non si può
Il 28/12/2018 ho pagato l'IMU per il 2017 e per il 2018 con f24 semplificato utilizzando il ravvedimento operoso: devo ancora pagare l'IMU 2015 e 2016 (circa 1000 euro ogni anno, erano anni particolari per me!), ma nell'ufficio tributi dei due comuni (Lanciano e Atessa in provincia di chieti, ho un appartamento e un terreno edificabile, rispettivamente) mi hanno detto che non posso adottare la formula del ravvedimento operoso (è passato troppo tempo!); devo aspettare l'accertamento del comune. Io però vorrei chiudere subito la questione pagando il dovuto, senza aspettare l'accertamento del comune: come posso fare? Mi conviene pagare secondo ...

Omesso pagamento saldo IMU - Ravvedimento operoso
Non ho pagato il saldo imu 2019, desidero sapere la scadenza ultima per effettuare il pagamento avvalendomi del ravvedimento operoso. ...

Omessa dichiarazione e omesso versamento tari 2016 - Cosa rischio? Possibile regolarizzare la posizione con ravvedimento operoso?
Non ho presentato la dichiarazione Tari nè pagato l'imposta dal 2016: a cosa vado incontro ed è possibile regolarizzare e a quali condizioni? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ravvedimento Operoso in materia di Tarsu/Tasi