Richiesta di versare i contributi previdenziali per l'anno 2011 - Può essere prescritta?

Il giorno 24/08/3017, mi è arrivata una notifica dall'inps dove mi si chiedeva di pagare i contributi relativi all'anno 2011 poiché non versati.

Allora ero in regime dei minimi ed in pensione.

Posso considerare la prescrizione per questa richiesta oppure no?

La prescrizione di una qualsiasi pretesa della Pubblica Amministrazione va sempre eccepita con una procedura che richiede necessariamente un primo tentativo di composizione del contenzioso attraverso un ricorso di tipo amministrativo in autotutela e solo successivamente, in caso di perdurante disaccordo, attraverso un ricorso giudiziale da presentare nel termine di 60 giorni dalla notifica dell'atto.

Insomma non si può considerare un avviso di addebito dell'INPS come prescritto e basta, sarebbe troppo facile.

Inoltre, prima di tentare la composizione del contenzioso in via amministrativa, vale la pena di fare un salto presso gli uffici dell'INPS per verificare se, a partire dall'anno 2011 non le siano state inviate eventuali comunicazioni interruttive dei termini di prescrizione che, a causa di una temporanea, ma sempre possibile, irreperibilità del destinatario risultino notificate correttamente per compiuta giacenza, anche se ignote al destinatario.

16 ottobre 2017 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contributi inps
prescrizione contributi inps

Approfondimenti e integrazioni dal blog

IRPEF - dedurre i contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge è ammessa la deducibilità senza limiti di importo. È consentita la piena deducibilità anche dei contributi versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza. Si tratta dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea, quelli versati per ...
La prescrizione della cartella esattoriale resta triennale per la tassa automobilistica e quinquennale per i tributi locali e i contributi previdenziali
I contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali non versati dal debitore sono iscritti in ruoli resi esecutivi, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre dell'anno successivo al termine fissato per il versamento. In caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre ...
La prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori
Le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono in dieci anni per quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie – termine ridotto a cinque anni con decorrenza 1 gennaio 1996 – e in cinque anni per tutte le altre contribuzioni ...
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale
La prescrizione dei contributi previdenziali è quinquennale e decorre dalla data di notifica della cartella esattoriale. Ciò è quanto emerge dalla lettura della sentenza n° 1412 del Tribunale di Catania, pronunciata in data 29 marzo 2012. I giudici catanesi, pur ribadendo che le cartelle originate da debiti previdenziali debbano essere ...
Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca