Richiesta di versare i contributi previdenziali per l’anno 2011 – Può essere prescritta?

Il giorno 24/08/3017, mi è arrivata una notifica dall’inps dove mi si chiedeva di pagare i contributi relativi all’anno 2011 poiché non versati.

Allora ero in regime dei minimi ed in pensione.

Posso considerare la prescrizione per questa richiesta oppure no?

La prescrizione di una qualsiasi pretesa della Pubblica Amministrazione va sempre eccepita con una procedura che richiede necessariamente un primo tentativo di composizione del contenzioso attraverso un ricorso di tipo amministrativo in autotutela e solo successivamente, in caso di perdurante disaccordo, attraverso un ricorso giudiziale da presentare nel termine di 60 giorni dalla notifica dell’atto.

Insomma non si può considerare un avviso di addebito dell’INPS come prescritto e basta, sarebbe troppo facile.

Inoltre, prima di tentare la composizione del contenzioso in via amministrativa, vale la pena di fare un salto presso gli uffici dell’INPS per verificare se, a partire dall’anno 2011 non le siano state inviate eventuali comunicazioni interruttive dei termini di prescrizione che, a causa di una temporanea, ma sempre possibile, irreperibilità del destinatario risultino notificate correttamente per compiuta giacenza, anche se ignote al destinatario.

16 Ottobre 2017 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contributi previdenziali versati dal socio successivamente fallito
Contributi INPS versati regolarmente e accreditati dal 1980 al 2012: per un certo periodo come lavoratore dipendente e poi come titolare d'impresa sas. Nel 2012 la società fallisce per insolvenza e io come socio accomandatario. A causa di questo fallimento vi chiedo, essendo prossimo alla pensione, se i contributi versati e accreditati regolarmente andranno PERSI o se invece rimangono utili per il conteggio pensione. ...

IRPEF - dedurre i contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge è ammessa la deducibilità senza limiti di importo. È consentita la piena deducibilità anche dei contributi versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza. Si tratta dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea, quelli versati per la ricongiunzione di periodi assicurativi, nonché dei contributi versati al fondo di cui al decreto legislativo 16 settembre 1996, numero 565, ad esempio dalle casalinghe. La deducibilità dei contributi facoltativi è consentita anche se essi sono versati dal contribuente per conto dei familiari fiscalmente a carico. I contributi versati con ...

Avvisi di addebito INPS per contributi previdenziali non versati dall'amministratore pro tempore di azienda
Mi sono iscritta al sito dell'inps e ho trovato due notifiche riferite a contributi non versati nel 2009 e nel 2010 (totale circa 5000 euro) Sono stata amministratore unico di un'azienda dal 2008 al 2011. Poi sono uscita come amministratore e come socio. Ho ricevuto due avvisi nel sito dell'inps di due diffide riguardati questi mancati contributi versati. Una diffida l'ho ricevuta nel 2013 e una nel 2014, MA NON ME NE SONO MAI ACCORTA perchè non sono mai entrata nel sito nell'inps. Ora mi chiedo se queste richieste vanno in prescrizione o meno.. Ed eventualmente il responsabile è il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Richiesta di versare i contributi previdenziali per l’anno 2011 – Può essere prescritta?