Proposta di saldo a stralcio - Che riduzione proporre sul debito iniziale?

Ho un debito con una finanziaria da 3 anni pari a 9400 euro: dopo molto tempo che non si erano fatti sentire e mi hanno chiesto se voglio uscire da questo tunnel. Devo fare una proposta di saldo a stralcio, ma sono in difficoltà non sapendo che cifra offrire su 9400 euro e come impostare la proposta.

Se qualcuno mi può dare un consiglio, gliene sarò grato.

Se le hanno fatto una proposta di saldo stralcio, dopo tanto tempo dall'ultimo contatto, è evidente che la pratica è stata riciclata ed affidata ad un addetto da poco assunto.

Il quale, dalle note precedenti riportate dai colleghi che la pratica ebbero a suo tempo in carico, avrà letto che il debitore non ha beni aggredibili o se ne ha (ad esempio uno stipendio) non ci sono gli elementi per chiedere un decreto ingiuntivo al giudice, dal momento che, faccio un'ipotesi abbastanza verosimile, il contratto originale è andato perduto nei passaggi fra i vari cessionari del credito succedutisi nel tempo.

Poste queste condizioni, il costo per evitare di essere ulteriormente infastiditi dai questuanti del recupero crediti (il tunnel da cui uscire) vale non più del 10% del credito originario: cioè 940 euro. Cifra da corrispondere, visti i tempi difficili in cui viviamo, laddove non è possibile privarsi di un migliaio di euro in una "botta" sola, in 9 rate mensili da 100 euro ciascuna e l'ultima da 40 euro.

Con l'accortezza di farsi rilasciare una quietanza liberatoria come descritto in questo articolo.

La società di recupero crediti e l'addetto, che l'ha contattata con un tentativo disperato da ultima istanza, le saranno riconoscenti: non capita tutti i giorni di guadagnare 929,2 euro con un paio di telefonate (10 euro è stato il costo di cessione della pratica e 0.8 centesimi di euro quello del francobollo necessario per spedire la liberatoria con posta prioritaria).

9 agosto 2015 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Accordo a saldo stralcio in caso di leasing
Il leasing è la tipologia di credito con la quale è più difficoltoso arrivare a transare un saldo e stralcio, in quanto la società erogante ha il coltello dalla parte del manico, costituito dalla possibilità di recuperare il bene velocemente - e se il debitore rifiuta di riconsegnarlo c'è la ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca