Probabile fallimento di una società - vorrei insinuarmi al passivo

Come faccio a sapere se una società è in fallimento? Dalla visura risulta, però per averne la certezza e il numero del procedimento cosa devo fare? Per presentare istanza di ammissione al passivo devo necessariamente avere un titolo come il decreto ingiuntivo o sono sufficienti le fatture non pagate?

Per verificare se è in atto la procedura, e presentare istanza di insinuazione al passivo, bisogna necessariamente recarsi presso la cancelleria del Tribunale ove ha sede legale il soggetto che si presume sottoposto a procedura fallimentare.

Può presentare la domanda di insinuazione fino a trenta giorni prima della data di esame dello stato passivo (è tuttavia opportuno informarsi delle prassi adottate presso il tribunale in cui è stata incardinata la procedura fallimentare) e ha tempo, comunque, fino a 180 giorni dopo la dichiarazione di fallimento.

Non è necessario il decreto ingiuntivo, copia delle fatture vanno bene, ma, a seconda della categoria di appartenenza del creditore (fornitore, artigiano, esercente attività di impresa o di lavoro autonomo ecc...) viene richiesta altresì specifica documentazione.

20 marzo 2015 · Simonetta Folliero

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'istanza di insinuazione al passivo fallimentare interrompe la prescrizione del credito
Secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità , la presentazione dell'istanza di ammissione del credito al passivo fallimentare determina l'interruzione della prescrizione del credito medesimo, con effetti permanenti fino alla chiusura della procedura concorsuale, in applicazione del principio fissato dal codice civile (articolo 2945, secondo comma). L'effetto interruttivo della prescrizione ...
Insinuazione da parte della Pubblica Amministrazione - Va comunque rispettato il termine annuale dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo
Le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni prima dell'udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di dodici mesi dal deposito del decreto di esecutività dello stato ...
L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare non può essere presentata dal soggetto fallito
L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare ha carattere d'impugnazione straordinaria, finalizzata a conseguire il risultato che l'esecuzione collettiva vada a vantaggio di coloro che risultano effet­tivamente creditori, e può quindi essere proposta, oltre che dal curatore e dai sog­getti titolari di diritti sui beni del fallito, soltanto ...
Insinuazione al passivo - Nessun termine di decadenza per i crediti sopravvenuti
La legge fallimentare dispone che le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni prima dell'udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di dodici mesi dal deposito del ...
Insinuazione al passivo per crediti erariali - Non è necessaria la preventiva notifica della cartella esattoriale al curatore
I crediti iscritti a ruolo ed azionati da società concessionarie per la riscossione seguono, nel caso di avvenuta dichiarazione di fallimento del debitore, l'iter procedurale prescritto dalla legge per gli altri crediti concorsuali, legittimandosi la domanda di ammissione al passivo, se del caso con riserva (ove vi siano contestazioni), sulla ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca