Prestito personale con defunto e coobbligato che non paga

Una persona prende un prestito personale per necessità di liquidità e la moglie firma come coobbligata. Al momento della morte del marito, lei paga qualche altra rata e poi interrompe i pagamenti perché ha solo la pensione minima e nessuno altro bene mobile ed immobile e non riesce a sopravvivere.

La finanziaria, che a quel punto non vede arrivare più un euro, può rivalersi sugli eredi del defunto? e se si, in che quota? 50% o 100% del debito residuo?Oppure l'unica persona "attaccabile" è la moglie in quanto coobbligata?

Al momento è il coobbligato che deve rispondere interamente del debito. Ed alla morte del coobbligato ne risponderanno i suoi eredi. Con la premorienza di uno dei due debitori solidalmente obbligati alla restituzione del prestito, il defunto ed i suoi eredi escono definitivamente di scena.

Vanno diversamente le cose nel caso di premorienza di un debitore garantito con fideiussione che preveda il beneficio di escussione per il garante: allora il creditore sarà obbligato a tentare di escutere gli eredi del debitore garantito e solo in caso di insuccesso potrà rivolgersi al garante.

23 aprile 2015 · Giorgio Martini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

debiti ed eredita

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di prestito - il prestito senza busta paga
Come tutti ben sappiamo al momento di richiedere un prestito l'istituto di credito a cui ci si rivolge richiede, oltre ai documenti d'identità, anche delle garanzie reddituali ben precise. In particolare, per ottenere un prestito, occorre presentare le ultime buste paga, per i lavoratori dipendenti sia pubblici che privati, il ...
Chi paga le spese funebri? » Eredi o coniuge legatario?
Quando si litiga anche per le spese del funerale: chi paga le spese funebri per la sepoltura del de cuius? Il Tribunale di Ragusa, richiamando giurisprudenza di Cassazione, con la sentenza del 7 giugno 2013, afferma: il rimborso delle spese funerarie per la sepoltura della moglie può essere preteso dal ...
Avviso di accertamento intestato a defunto » Nulla la notifica se avviene presso ultima residenza del de cuius ma non collettivamente a tutti gli eredi
E' nullo l'avviso d'accertamento non notificato collettivamente agli eredi presso l'ultima dimora del de cuius. L'atto tributario intestato al defunto non può essere direttamente notificato agli eredi che non hanno comunicato all'Agenzia delle Entrate le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale. In difetto della comunicazione, l'avviso di accertamento e ...
Debiti tributari del defunto - Ripartizione fra gli eredi e procedura di notifica
Va innanzitutto premesso che in caso di successione di più eredi, per quanto riguarda i debiti acquisiti in vita dal defunto, si determina un frazionamento pro quota ereditaria dell'originario debito. Per l'avviso di accertamento intestato e diretto ad un contribuente deceduto, l'articolo 65 del dpr 600/1973 stabilisce che gli eredi ...
La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca