Prescrizione contributi previdenziali ed assistenziali pretesi con un atto di precetto

Vi pongo subito il quesito in merito alla prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali relativi ai mesi di giugno e luglio 1995.

INPS notifica atto di precetto relativo a tali contributi solo nel febbraio 1996, senza alcuna precedente richiesta adducendo trattasi di contributo desumibili dal Modello DM 10/M. Si susseguono negli anni altri atti di precetto ma ad un certo punto risulta un vuoto di circa 9 anni. Mi chiedevo se in questo caso si applichi il termine prescrizionale di 10 anni trattandosi di contributi precedenti all’entrata in vigore della Legge 335/95, oppure quinquennale non avendo l’INPS inviato richiesta prima del 31.12.1995.

Ci troviamo in una fase avanzata rispetto alla prescrizione di contributi previdenziali ed assistenziali pretesi con il classico avviso di addebito INPS, per cui non ha più alcun senso parlare di atti antecedenti al 31 dicembre 1995 (con prescrizione decennale) e quelli successivi al primo gennaio 1996.

La richiesta di adempimento fonda su un decreto ingiuntivo (e successivo precetto) ormai cristallizzatosi, con prescrizione decennale, come per qualsiasi ingiunzione sancita da sentenza giudiziale passata in giudicato..

6 Maggio 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e a far decorrere, dalla data di questo, un nuovo termine decennale di prescrizione. In pratica, per i contributi relativi a periodi precedenti la data di entrata in vigore della legge 335/1995, il previgente termine decennale di prescrizione permane soltanto ove l'Istituto previdenziale abbia compiuto atti interruttivi ovvero iniziato procedure nel ...

La prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori
Le contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria si prescrivono in dieci anni per quelle di pertinenza del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e delle altre gestioni pensionistiche obbligatorie – termine ridotto a cinque anni con decorrenza 1 gennaio 1996 – e in cinque anni per tutte le altre contribuzioni di previdenza e di assistenza sociale obbligatoria. La normativa ad oggi in vigore ha regolato l'intera materia della prescrizione dei crediti contributivi degli enti previdenziali, con riferimento a tutte le forme di previdenza obbligatoria, comprese quelle per i liberi professionisti, con conseguente abrogazione delle previgenti discipline differenziate: dunque, è venuta ...

Evasione fiscale di retribuzioni da lavoro autonomo o dipendente - Correlazione con gli addebiti INPS per l'omesso pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti
Se non dichiaro eventuali redditi da lavoro dipendente o autonomo, successivamente accertati dall'Agenzia delle Entrate, rischio anche di dover pagare i relativi contributi all'INPS? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione contributi previdenziali ed assistenziali pretesi con un atto di precetto