Quando si prescrive l'azione revocatoria degli atti di disposizione del debitore?

Ammettiamo che: "Andrea" che con la sua attività ha debiti accumulati, vende immobile a "Luca" che è suo figlio e quest'ultimo prima di un'azione revocatoria di qualche creditore di Andrea, rivende o affitta a sua volta a un terzo (completamente estraneo ai fatti) l'immobile.

L'azione revocatoria (entro i 5 anni dalla prima vendita) potrebbe comunque essere intrapresa da un creditore di Andrea? Oppure essendo l'immobile sotto contratto o di proprietà di un terzo non potrebbe essere pignorato?

L'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto, come stabilisce l'articolo 2903 del codice civile.

Tuttavia, come ha chiarito in più occasioni la giurisprudenza consolidata, la prescrizione inizia a decorrere dal giorno dell'annotazione dell'atto nei pubblici registri. In pratica, la prescrizione comincia a decorrere dal momento in cui il diritto può essere fatto valere dal creditore, in quanto messo in condizione di venire a conoscenza dell'atto stesso.

Naturalmente, nel quinquennio si chiede al giudice l'inefficacia dell'atto dispositivo del debitore (a monte) e non quello che coinvolge il terzo acquirente che poi ha eventualmente acquistato dal figlio del debitore: se viene dichiarato inefficace l'atto originario (fra debitore e figlio), a cascata risulteranno inefficaci anche i successivi trasferimenti di proprietà.

Va ricordato inoltre che, per quanto attiene i beni immobili ed i veicoli, la domanda di revocazione dell'atto di trasferimento della proprietà viene trascritta anche nei pubblici registri, sicché chi acquista, successivamente alla trascrizione, lo fa a proprio rischio e pericolo.

E va aggiunto che il trasferimento di proprietà del bene dal debitore (Andrea) a un parente non debitore (Luca) è quasi sempre soggetto a revocatoria, dal momento che è pressoché impossibile dimostrare, per il debitore (Andrea) che l'acquirente (Luca) non conoscesse il pregiudizio che l'atto comportava nei confronti del creditore (di Andrea).

24 novembre 2017 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione azione revocatoria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Azione revocatoria ordinaria per atti di disposizione del debitore a titolo oneroso prima e dopo l'insorgenza del credito
Ai fini dell'azione revocatoria ordinaria, quando l'atto di disposizione sia successivo al sorgere del credito e sia a titolo oneroso, è sufficiente la consapevolezza, del debitore alienante e del terzo acquirente, della diminuzione della garanzia generica per la riduzione della consistenza patrimoniale del primo, non essendo necessaria la collusione tra ...
Requisiti per l'azione revocatoria - Quando l'atto dispositivo revocando viene effettuato dal debitore prima o dopo l'insorgenza del credito
Azione revocatoria di atti del debitore effettuati prima e dopo l'insorgenza del credito Qualora l'azione revocatoria abbia per oggetto atti del debitore disposti in epoca anteriore al sorgere del credito, è richiesta, quale condizione per l'esercizio dell'azione revocatoria, la dolosa preordinazione dell'atto da parte del debitore al fine di compromettere ...
Azione revocatoria di atti del debitore - Intento fraudolento e preordinazione dolosa ai danni del creditore
Com'è noto, l'azione revocatoria è l'azione giudiziale con cui il creditore può domandare che siano dichiarati inefficaci, nei suoi confronti, gli atti di disposizione del patrimonio del debitore finalizzati a compromettere la futura riscossione coattiva del credito. Se l'azione revocatoria ha per oggetto atti posteriori al sorgere del credito, ad ...
Revocatoria di atti del debitore » prescrizione
L'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto del debitore presumibilmente finalizzato a sottrarre il proprio patrimonio dalle procedure di escussione coattiva esperibili dal creditore. Trascorsi i cinque anni dalla data dell'atto, il creditore non può più ottenere la dichiarazione di inefficacia, anche se dimostra che l'atto era ...
L'azione revocatoria di atti del debitore può essere esperita anche in base ad un credito presunto e non ancora accertato
Anche il credito eventuale, nella veste di credito contestato o litigioso, è idoneo a determinare l'insorgere della qualità di creditore che abilita all'esperimento dell'azione revocatoria ordinaria avverso l'atto di disposizione compiuto dal debitore. È questa la ragione per la quale il giudizio promosso con l'azione revocatoria non è soggetto a ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca