Pignoramento stipendio e coda creditori

Vi scrivo per avere chiarimenti in merito alla mia posizione e capire se possono pignorare e mettersi in coda i vari creditori. Ho uno stipendio di euro 1146: su questo stipendio vengono trattenute 700 euro per alimenti e vengono trattenuti 240 per cessione quinto. Vivo con 206 al mese.

Il giudice può autorizzare ulteriori pignoramenti sullo stipendio?

Sul suo stipendio grava una cessione del quinto per il 20% e c'è capienza per il pignoramento di un ulteriore 30% (al massimo) della retribuzione. Insomma, non sono possibili il pignoramento e la cessione, complessivamente, di più del 50% di uno stipendio.

Su uno stipendio non possono coesistere due pignoramenti azionati per debiti della stessa natura. I successivi al primo di due, o più, creditori che procedono sul medesimo stipendio per debiti della stessa natura, dovranno attendere che i precedenti creditori siano stati completamente soddisfatti attraverso il prelievo forzoso mensile (vengono messi in coda, come si dice).

Si intendono della stessa natura (ordinaria) debiti per prestiti non rimborsati a privati, banche e finanziarie.

Sono della medesima natura (esattoriale) debiti riconducibili al mancato pagamento di tributi locali, tasse, imposte, contributi e sanzioni amministrative.

Ancora come debiti di uguale natura (alimentare) sono da considerarsi i debiti alimentari (ad esempio, gli assegni di mantenimento al coniuge separato o il mantenimento giudiziale richiesto al giudice ed ottenuto su azione di un parente stretto che versa in stato di indigenza).

In pratica, nei suoi confronti potrebbe agire una banca per il rimborso giudiziale di un prestito erogato e non rimborsato, fino al 20% della retribuzione. Ed Equitalia, per il recupero di tasse non pagate, fino ad un massimo del 10% della mensilità percepita.

Purtroppo il giudice deve tener conto di quanto disposto in materia di pignoramento presso terzi dal codice civile e dalle leggi speciali: non fanno testo le trattenute (a meno che non si tratti di pignoramento) per l'importo da versare al coniuge separato.

28 settembre 2016 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento dello stipendio o della pensione come consolidamento debiti
Vorrei illustrarvi la mia attuale situazione debitoria alquanto complessa: praticamente ho una cessione del quinto e un prestito delega sullo stipendio.   Poi in virtù di investimenti sbagliati e bisogni economici impellenti ho stipulato vari rid bancari. Di cui tre particolarmente onerosi. Riesco a pagare facendo i cosidetti salti mortali. ...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e ...
Coesistenza fra pignoramento stipendio e cessione del quinto - calcolo delle quote pignorabili e cedibili
Cosa succede quando pignoramento dello stipendio e cessione del quinto si cumulano. Come si calcola la quota pignorabile quando il pignoramento dello stipendio è successivo ad una cessione del quinto. Le regole per determinare la quota cedibile che si applicano nel caso in cui, invece, la cessione del quinto dello ...
Sequestro, pignoramento e cessione di stipendi e pensioni - La legge 180/1950
In tema di espropriazione forzata presso il datore di lavoro, le modifiche apportate dalle leggi 311/2004 ed 80/2005 al dpr 180/1950 (approvazione del testo unico delle leggi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi, salari e pensioni dei dipendenti dalle pubbliche amministrazioni) hanno comportato la totale estensione ...
Cessione del quinto » Piccolo prontuario per il debitore
La Cessione del quinto è un prestito personale con massima libertà di utilizzo della somma ricevuta. Il richiedente in cambio “cede” una parte del suo stipendio o della sua pensione (al massimo di un quinto) autorizzando il suo datore di lavoro a trattenere ogni mese dalla busta paga o dalla ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca