Pignoramento dello stipendio presso il mio ex datore di lavoro – Violazione della privacy?

Mi è stata consegnata una raccomandata da parte di un avvocato che rappresenta la banca che ha acquistato il mio debito, in cui vengo condannato a pagare il debito e relativi interessi e ciò dovrebbe avvenire tramite cessione del quinto del mio stipendio.

L’unico difetto di tutta questa storia è che io non ho un lavoro da almeno 18 mesi e la lettera fa riferimento proprio a quest’ultimo lavoro. Una copia con tutti i miei dati, gli importi, le modalità e la sentenza è stata recapitata anche al mio ex datore di lavoro per avvisarlo che sarebbe stata attivata la procedura.

A me sembra una grave mancanza da parte loro non avere le informazioni corrette dello stato attuale della mia situazione ma soprattutto che adesso il mio ex principale sia al corrente della mia situazione senza che ce ne sia il motivo.

Posso intraprendere qualche azione contro questo avvocato per violazione della mia privacy?

L’avvocato ha effettuato un’azione esecutiva, nei suo confronti, presso l’ex datore di lavoro, terzo pignorato, con esito evidentemente infruttuoso. E’ pur vero che le spese del pignoramento infruttuoso vengono anticipate dal creditore procedente, ma è anche vero che queste spese verranno accollate al debitore in un prossimo futuro tentativo di pignoramento.

Qualora, nella pretesa dal medesimo creditore, nel corso di in un futuro pignoramento presso terzi, quando lei, debitore, avrà finalmente trovato un altro posto di lavoro, venissero incluse anche le spese relative al pignoramento oggi non andato a buon fine per palese errore della parte procedente, potrà ricorrere al giudice delle esecuzioni, presso il tribunale territorialmente competente, per chiedere ed ottenere che tali spese vengano defalcate dal credito azionato.

Per il resto, il danno eventualmente patito per la presunta violazione della privacy (ex datore di lavoro venuto a conoscenza della posizione di lavoro del suo ex dipendente, senza motivo alcuno che ciò avvenisse) deve essere documentato e provato: e mi sembra, che non ci siano i margini per una efficace azione legale di risarcimento.

29 Aprile 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La Cofactor semplicemente minaccia il debitore di procedere ad un ricorso ingiuntivo per poi ottenere il pignoramento dello stipendio alla fonte, presso il datore di lavoro (pignoramento presso terzi - il datore di lavoro è il terzo, non suo padre)
Se suo padre non ha garantito per lei quando ha ottenuto i finanziamenti che poi non ha rimborsato, non c'è nulla da temere. Non solo non può essere coinvolto nelle vicende debitorie del figlio, men che mai subire conseguenze su eventuali sgravi fiscali di cui fruisce. La Cofactor semplicemente minaccia il debitore di procedere ad un ricorso ingiuntivo per poi ottenere il pignoramento dello stipendio alla fonte, presso il datore di lavoro (pignoramento presso terzi - il datore di lavoro è il terzo, non suo padre). Ma, se il debitore non lavora, o lavora in nero, la Cofactor è condannata ...

Pignoramento presso terzi - Come si procede se cambia il datore di lavoro del debitore sottoposto ad azione esecutiva di pignoramento dello stipendio?
Il problema: lavorando in luogo soggetto a gara d'appalto, c'è la concreta possibilità di cambiare datore di lavoro ogni due anni e la relativa conseguenza ogni qual volta di dover far fronte a una nuova azione di pignoramento dello stipendio con relative spese. Infatti, ho un debito verso l'Aler che un anno fa ammontava a 13 mila euro e che ora, dopo due cause e relative spese legali ammonta a quasi 20 mila euro. Ad oggi si sono presi 3 mila euro di liquidazione e stanno già provvedendo a pignorare il quinto dello stipendio. Per chiudere la questione ho proposto ...

Pignoramento dello stipendio notificato all'ex datore di lavoro del debitore sottoposto ad azione esecutiva
Dovrei comparire presso tribunale per richiesta pignoramento stipendio che è stata fatta a mio ex datore di lavoro, il quale so già che non ha nessun debito verso di me. Cosa succede se non mi presento in tribunale? Cosa possono fare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento dello stipendio presso il mio ex datore di lavoro – Violazione della privacy?