Pignoramento conto corrente postale con accredito NASpI – Se la NASpI va a coprire lo scoperto di conto corrente

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Circa una settimana fa ho ricevuto l’accredito mensile della indennità di disoccupazione NASpI: in precedenza ho avuto un pignoramento del conto corrente e mi sono ritrovato il conto con un saldo di – 6500 euro. Arrivata la NASpI io non riesco a prelevarla. Ma il minimo vitale stabilito dall’articolo 545 perché non è stato applicato? L’ufficio postale ha fatto richiesta di sblocco ma ad oggi ancora nessuna risposta.

Nel caso esposto esiste uno scoperto in conto corrente: forse sarebbe il caso di approfondire la questione con la banca per verificare se l’accredito NASpI non sia stato utilizzato per coprire il buco.

Infatti, alla luce degli importi massimi stabiliti per il 2020 relativamente all’assegno sociale ( 459,83 euro) nonché ai sensi dell’articolo 545 del codice di procedura civile, le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego (come l’indennità di disoccupazione NASpI), comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore, possono essere pignorate solo per l’importo eccedente il triplo dell’assegno sociale, vale a dire solo per l’importo eccedente 1.379,49 euro.

23 Gennaio 2020 · Chiara Nicolai



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento conto corrente postale con accredito NASpI – Se la NASpI va a coprire lo scoperto di conto corrente





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!