Notifica all’estero di un avviso di accertamento – Quali le procedure?


La sentenza della Corte costituzionale da lei citata è del 2007 e si riferisce ad una questione di notifica risalente all'aprile 2005.

Sono residente in Messico e regolarmente iscritto all’AIRE: l’Agenzia delle entrate ha provato a notificarmi un avviso di accertamento all’indirizzo italiano e il messo comunale ha rispedito il tutto indietro comunicando che sono residente all’estero. Successivamente l’agenzia ha inviato una raccomandata AR all’indirizzo estero ma non mi hanno trovato perché in vacanza e il messo messicano ha rispedito indietro scrivendo “destinatario assente per viaggio”.

Secondo la sentenza della Corte Costituzionale 366/2007 la notifica all’estero di atti ttributari deve avvenire in prima istanza mediante procedure di convenzioni internazionali e il Messico e Italia tra loro non le hanno, in seconda istanza attraverso le autorità consolari e questo mi e’ stato confermato dall’ambasciata che non e’ stato fatto e in ultima istanza come modalità residuale con raccomandata e questa e’ l’unica attività intrapresa dall’agenzia.

Vorrei la conferma che la mancata osservanza di tale procedura nell’ordine definito dalla corte costituzionale implica l’invalita’ e inoltre cosa farà a questo punto l’agenzia: proverà un’ulteriore notifica con raccomandata?

La sentenza della Corte costituzionale da lei citata è del 2007 e si riferisce ad una questione di notifica risalente all’aprile 2005.

Dall’aprile 2012 è in vigore la versione aggiornata dell’articolo 60 del DPR 600/73, comma e-bis (introdotto dal DL 223/2206) secondo il quale la notifica degli avvisi o degli atti di natura fiscale può essere eseguita mediante spedizione a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento anche all’indirizzo estero (comunicato dal contribuente al competente ufficio dell’Agenzia delle entrate o desunto dall’Agenzia delle entrate tramite ricerca anagrafica).

In pratica, la notifica ai contribuenti non residenti e’ validamente effettuata mediante spedizione di lettera raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo della residenza estera rilevato dai registri dell’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE).

Nessun’altra comunicazione le verrà inoltrata dall’Agenzia delle entrate. Dovrà essere sua cura informarsi circa il contenuto dell’avviso di accertamento sulla base della nota (mittente ed oggetto) che le avrà lasciato l’operatore messicano addetto alla consegna della comunicazione.

12 Agosto 2015 · Ornella De Bellis

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 120 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Notifica all’estero di un avviso di accertamento – Quali le procedure?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.