Naspi dopo licenziamento per giusta causa

Argomenti correlati:

Sono stato assunto ad Aprile come apprendista aiuto cuoco di 3° livello e a metà Ottobre ho comunicato via portale Cliclavoro le mie dimissioni immediate per giusta causa per ridimensioni , Comportamento ingiurioso e irrispettoso da parte del tutor aziendale e Mobbing.

Ho letto che per accedere alla Naspi dovrò allegare un’autocertificazione della volontà di ricorrere in giudizio. Vi chiedo se è obbligatorio o posso solo allegare le mail che ho inviato al datore di lavoro già a Settembre, tra cui una anche Pec, in cui comunicavo le suddette problematiche sul lavoro e senza mai avere delle risposte. Anche se sono giovane ho già maturato 5 anni di esperienza anche in strutture di alto livello.

Com’è noto l’indennità di disoccupazione NASpI viene erogata in relazione agli eventi di disoccupazione involontaria.

Sulla base di quanto finora indicato dalla giurisprudenza, invece, si considerano per giusta causa le dimissioni determinate, come nella fattispecie, da comportamenti vessatori da parte dei superiori gerarchici o dei colleghi (cosiddetto mobbing) a danno del lavoratore, nonché dal comportamento ingiurioso posto in essere dal superiore gerarchico nei confronti del dipendente (Corte di Cassazione, sentenza n.5977/1985).

Qualora il lavoratore dichiarasse che si è dimesso per giusta causa, dovrà corredare la domanda con una documentazione (dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da cui risulti almeno la sua volontà di difendersi in giudizio nei confronti del comportamento illecito del datore di lavoro (con allegazione di diffide, esposti, denunce, citazioni, ricorsi d’urgenza ex articolo 700 codice procedura civile, sentenze contro il datore di lavoro, nonché ogni altro documento idoneo), impegnandosi a comunicare l’esito della controversia giudiziale o extragiudiziale (circolare INPS 163/2003).

In tale ipotesi, il riconoscimento dell’indennità di disoccupazione sarà provvisorio fino alla comunicazione dell’esito giudiziale della controversia con il datore di lavoro.

Laddove l’esito della lite dovesse escludere la ricorrenza della giusta causa di dimissioni, infatti, L’INPS procederà al recupero di quanto pagato a titolo di indennità di disoccupazione, così come avviene nel caso di reintegra del lavoratore nel posto di lavoro successiva a un licenziamento illegittimo che ha dato luogo al pagamento dell’indennità di disoccupazione.

20 Novembre 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dimissioni per giusta causa e diritto all'indennità di disoccupazione NASpI - Il datore di lavoro si è reso irreperibile e non mi paga lo stipendio da febbraio
Ho fatto la richiesta di NASpI il primo ottobre 2019 dopo il termine del mio contratto di lavoro che scadeva il 30 settembre: il 15 ottobre trovo di nuovo lavoro e la NASpI è stata bloccata per 6 mesi (infatti sul sito dell'Inps visualizzo ancora pagamento in corso). Il problema è che il datore di lavoro attuale non mi paga lo stipendio di febbraio, e non risponde nemmeno al telefono. Dopo vari tentativi di contattarlo riesco con un numero diverso a parlarci. La risposta alla mia richiesta dello stipendio arretrato e di informazioni sulla eventuale cassa integrazione da marzo è ...

Giudizio penale e licenziamento per giusta causa
Il reato del lavoratore è giusta causa di licenziamento solo se compromette il rapporto fiduciario con il datore Nel caso in cui il lavoratore sia stato rinviato a giudizio per gravi reati non commessi nello svolgimento del rapporto di lavoro, ma ritenuti dal datore di lavoro potenzialmente idonei ad incidere sul rapporto fiduciario, il giudice del lavoro non deve limitarsi a considerare il dato oggettivo del rinvio a giudizio e ritenerlo sufficiente ad integrare la giusta causa di licenziamento. Il giudice del lavoro dovrà invece verificare in concreto se la commissione di tali reati abbia compromesso il rapporto fiduciario e ...

Attività lavorativa in malattia e licenziamento per giusta causa
Lo svolgimento di attività lavorativa nel periodo di malattia giustifica il licenziamento se fa presumere l'inesistenza della malattia stessa o se pregiudica o ritarda la guarigione La giurisprudenza ritiene che il lavoratore in malattia non ha l'obbligo assoluto di astenersi da qualsivoglia attività lavorativa. Egli può svolgere attività lavorativa nel periodo di malattia purchè ciò non sia incompatibile con lo stato di malattia stesso e non ritardi o pregiudichi la guarigione. La Cassazione ha anche precisato che il lavoratore ha comunque un obbligo di correttezza e di collaborazione che gli impone di metere a disposizione del datore di lavoro le ...

Dove mi trovo?