Prestito con ritardi nel pagamento delle rate e segnalazione del creditore nella CRIF – Potrebbero risultare dati negativi censiti anche nella Centrale Rischi della Banca D’Italia?


Centrale rischi banca d'italia, centrale rischi CRIF

Tempo addietro ho fatto da garante, poi ho scoperto in realtà coobbligato, ad un’amica per le rate di un’automobile dal Gennaio 2011 al febbraio 2017.

Dopo diverse chiamate della finanziaria intorno a settembre del 2017 nonostante le rassicurazioni della mia amica faccio visura in CRIF dettagliata. Prestito estinto ma sofferenza di 271 euro (una rata vecchia). Nel giro di qualche giorno faccio in modo che venga saldata e me ne accerto.

E veniamo ad oggi, mi trovo a dover richiedere un mutuo e faccio nuova visura dettagliata al CRIF, il prestito non solo risulta saldato ma risulta come se non ci fosse mai stato nessun ritardo. Tutto regolare.

Prendo atto, ma adesso mi sovviene un dubbio, la sofferenza esiste probabilità che sia presente in Centrale Rischi Banca di Italia nonché accessibile agli intermediari? Oppure son due cose completamente diverse? Inoltre non capisco come in CRIF risulti pagata per tempo, se un tempo risultava a sofferenza (tanto di guadagnato).

A settembre 2017, a quanto lei riferisce, risultava una vecchia rata del muto non pagata, prontamente saldata dal debitore principale (la sua amica): ebbene, per il ritardo di una sola ultima rata la segnalazione negativa nella CRIF (Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria) non può essere visualizzata per oltre 12 mesi (un anno) dalla regolarizzazione. Dunque è giusto che da una visura i dati negativi siano stati oscurati.

Invece, quando il creditore mette a sofferenza un prestito, vuol dire che ritiene di non poter più recuperare il dovuto: pertanto, ed è obbligato, per legge, a segnalare la circostanza nella Centrale Rischi della Banca D’Italia.

Successivamente, di solito, persistendo l’inadempimento, la finanziaria creditrice cede il credito a terzi (una società di recupero crediti), iscrive a bilancio, come perdita secca, la differenza fra il capitale residuo ed il ricavato dalla cessione e non aggiorna più la posizione in sofferenza che resta visibile per tre anni dalla data di segnalazione.

Questo, evidentemente non è avvenuto, dal momento che il debito, seppur in ritardo, è stato saldato dalla sua amica (e la segnalazione di sofferenza in CR, se esistente, fornirebbe una informazione fallace sull’esito del prestito). Per cui non ci dovrebbero essere segnalazioni di sofferenza riguardanti sia il debitore principale che il garante del prestito.

Tuttavia, è semplice, come per la centrale rischi privata CRIF, effettuare una visura anche in CR Bankitalia, giusto per sincerarsi dell’inesistenza di posizioni negative che possano riguardarla.

4 Novembre 2019 · Ornella De Bellis

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 195 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Prestito con ritardi nel pagamento delle rate e segnalazione del creditore nella CRIF – Potrebbero risultare dati negativi censiti anche nella Centrale Rischi della Banca D’Italia?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.