Ho ottenuto un rimborso non dovuto da ACEA perché in effetti io non avevo pagato la bolletta di conguaglio che stavo contestando – Adesso mi chiedono la restituzione del rimborso: allora, cosa sto pagando al recupero crediti?

ACEA mi ha mandato tramite recupero crediti una raccomandata dell’avvocato con messa in mora per una bolletta di conguaglio inventata di 3 anni fa, che dopo contestazione aveva dichiarato per iscritto di aver chiuso con nota di credito, invece mi è stata pagata con assegno insieme al rimborso per chiusura utenza (e la bolletta è rimasta insoluta) per un importo di circa 1000 euro.

Adesso richiedono indietro questi soldi, dicendo che servono appunto a pagare la bolletta inventata originaria. Considerando il fatto che questa gente lavora senza logica e senza scrupoli, e procede minacciando le persone preferendo non incassare piuttosto che concedere una rateizzazione, per nulla intimorito dal loro agire ma volendo chiudere la questione ho iniziato a pagare al recupero crediti di mia iniziativa 100 euro al mese e così farò fino all’estinzione del debito.

Possono ancora farmi qualcosa dal punto di vista legale, oppure una volta pagato quanto hanno richiesto – cioè l’importo della bolletta originaria – in 10 mesi la storia si chiuderà definitivamente? Grazie per una vostra risposta in merito.

Sono completamente d’accordo sulla considerazione da lei svolta circa il fatto che gli uffici amministrativi delle società di fornitura di energia (ma anche quelle che offrono servizi di connessione fonia e dati) lavorino senza logica e senza scrupoli, accollando le conseguenze dei propri errori sulle spalle dell’utente, il quale è costretto comunque a pagare e a reclamare con raccomandata AR, reclami che restano il più delle volte senza alcun esito. Questa gentaglia confida sulle difficoltà economiche e pratiche, per il comune cliente, di adire il giudice allo scopo far valere i propri diritti.

Tuttavia, è anche vero che se il diavolo fa le pentole, noi, qualche volta, gli forniamo il coperchio.

Lei sta verosimilmente pagando, alla società di recupero crediti, l’importo, non dovuto, relativo ad una bolletta emessa per errore, così come riconosciuto dalla stessa ACEA. Perché? In termini di legge non potrà giustificare questo comportamento adducendo semplicemente la volontà di chiudere la questione. Io posso capirla, ma il suo comportamento depone per il riconoscimento del debito.

D’altra parte ha ricevuto e incassato un assegno da ACEA a compensazione del presunto pagamento, in realtà mai effettuato, di una bolletta di conguaglio emessa per errore. ACEA ha riconosciuto il proprio errore, ma è evidente che l’assegno costituiva un risarcimento solo nel momento in cui lei avesse pagato la bolletta di conguaglio emessa per errore.

Sarà difficile, diciamo impossibile, propendere per una compensazione stragiudiziale del credito che ora ACEA vanta nei suoi confronti con i soldi versati, ma non dovuti, alla società di recupero crediti. Si tratta, infatti, di due soggetti giuridici distinti; come sarebbe impensabile, adesso, chiedere alla società di recupero crediti la restituzione di quanto finora versatole.

L’unica exit strategy praticabile al momento, per evitare di dover restituire ad ACEA l’importo dell’assegno indebitamente incassato e finire malinconicamente “cornuto e mazziato”, è quella di minacciare ACEA di citarla in Tribunale, per aver ceduto un credito inesistente, in quanto è incontestabile che per la fattura in questione era stata già addirittura emessa una nota di credito: si tratta di un comportamento grave, anche se ormai la pratica della cessione di crediti prescritti, già saldati o contestati è assurta a prassi, nel settore.

Ad ACEA potrà proporre, in via stragiudiziale, il versamento della differenza fra l’importo indebitamente incassato e quanto già pagato alla società di recupero cessionaria del credito relativo alla bolletta “inventata”. Inutile aggiungere che dovrà essere immediatamente sospeso il rimborso del piano di rientro concordato con la cessionaria.

21 Febbraio 2018 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ulteriori precisazioni sulla bolletta di conguaglio non dovuta per fornitura di energia elettrica
In riferimento a questa discussione, se la vostra risposta è uno scherzo degli esperti, voglio segnalarvi che si tratta di uno scherzo di cattivo gusto. Passo allora a riepilogare i fatti. - In seguito ad un cambio gestore fatto dopo pochi mesi di rapporto con loro, ACEA emette un conguaglio di circa 1000 euro inspiegabile, evidentemente una delle loro "bollette pazze" con cui stanno infestando il Lazio (googlare per credere); per fortuna avevamo già cambiato gestore per cui le loro minacce di pagare o venire staccati non hanno alcun effetto, contestiamo la bolletta ed attendiamo risposta ovviamente non pagando. - ...

Fornitura gas - bolletta conguaglio 2015 » Prescrizione biennale o quinquennale?
Ricevuta oggi una bolletta gas di conguaglio del 2015: l'importo è stato ceduto ad una società di recupero crediti e loro affermano che non è ancora decaduta in prescrizione. ...

Bolletta del gas intestata a defunto
Buongiorno mio padre è deceduto in febbraio 2019 e ho fatto chiudere il contatore del gas in giugno 2019: è arrivata una bolletta di 360 euro di conguaglio e chiusura utenza a novembre. Io non l'ho pagata perché mio padre non mi ha lasciato nemmeno un soldo e io stessa che vivo altrove ho difficoltà a pagare tale bolletta. Ho accettato l'eredità di mio padre (solo la casa) e volevo sapere se devo pagare la bolletta all'agenzia di recupero crediti che ha mandato a nome di mio padre (non a me) un avviso di sollecito di pagamento. Cosa devo fare ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ho ottenuto un rimborso non dovuto da ACEA perché in effetti io non avevo pagato la bolletta di conguaglio che stavo contestando – Adesso mi chiedono la restituzione del rimborso: allora, cosa sto pagando al recupero crediti?