Lavori di manutenzione straordinaria – Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie, costo delle spese accessorie e sconto in fattura (DL/34/2020)


Per lavori edili il professionista produrrà fattura con la modalità sconto in fattura (cessione del credito): l’impresa effettuerà lo sconto in fattura per proprio conto, separatamente dal professionista.

In merito al professionista, non è chiaro però se potrà inserire nella notula anche i costi vivi per marche da bollo, diritti di segreteria, costi visure, etc, occorrenti per il disbrigo delle pratiche tecnico-amministrative, effettuando lo sconto anche su questi importi.
se è possibile ottenere lo sconto, cosa dovrà indicare il professionista nella fattura?

Inoltre, se i lavori sono con beneficio IRPEF 90% (bonus facciate), lo sconto sui costi vivi corrisponderà al 90%.

Il costo delle spese vive deve essere maggiorato della quota per la gestione degli oneri finanziari? Diversamente il professionista come recupera i costi di cessione?

Com’è noto, ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge 34/2020 (Decreto Rilancio), i soggetti che negli anni 2020 e 2021 sostengono spese per gli interventi di ristrutturazione edilizia possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione spettante, per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari.

Oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche:

– le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse;
– le spese per prestazioni professionali comunque richieste dal tipo di intervento;
– le spese per la messa in regola degli edifici ai sensi del DM 37/2008 – ex legge 46/90 (impianti elettrici) e delle norme Unicig per gli impianti a metano (legge 1083/71);
– le spese per l’acquisto dei materiali;
– il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti;
– le spese per l’effettuazione di perizie e sopralluoghi;
– l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di bollo e i diritti pagati per le concessioni, le autorizzazioni e le denunzie di inizio lavori;
– gli oneri di urbanizzazione;
– gli altri eventuali costi strettamente collegati alla realizzazione degli interventi nonché agli adempimenti stabiliti dal regolamento di attuazione degli interventi agevolati (decreto 41/1998).

Non sono ammessi aggravi di costo per la gestione degli oneri finanziari connessi alla cessione del credito. Il professionista, come già accennato, potrà recuperare lo sconto praticato come credito d’imposta.

Peraltro la cessione del credito con sconto in fattura non è obbligatoria: il committente potrà optare per l’utilizzo diretto della detrazione spettante (spalmata in dieci annualità) qualora il professionista interpellato non sia propenso a praticare lo sconto in fattura.

16 Luglio 2021 · Giorgio Valli



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Lavori di manutenzione straordinaria – Agevolazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie, costo delle spese accessorie e sconto in fattura (DL/34/2020)