Agevolazioni fiscali per lavori di manutenzione ordinaria dopo la chiusura dei lavori

Ho fatto dei lavori di ristrutturazione nella mia casa privata ed ho comunicato in comune la fine lavori a maggio 2019: a luglio 2019 ho avuto problemi nel bagno , a causa della ditta che ci ha ristrutturato l’appartamento e mi sono affidato quindi ad altra impresa per fare lavori di manutenzione ordinaria (riparazione per perdita d’acqua, sistemazione pareti e piastrelle).

Posso beneficiare del recupero edilizio 50% per questi costi aggiuntivi anche se sono stati fatti dopo la chiusura della Cila in comune?

Gli interventi di manutenzione ordinaria negli immobili, che riguardano la riparazione, il rinnovamento e la sostituzione delle rifiniture nonché necessari ad integrare e mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, non richiedono la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA).

Quindi, nella fattispecie, l’eventuale intervenuta comunicazione di chiusura lavori è irrilevante ai fini delle fruizione delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa vigente per le ristrutturazioni edilizie.

In particolare, se di interesse, si può consultare il Testo Unico DPR 380/2001, che definisce all’articolo 6 i casi in cui un intervento ricade in “Attività Edilizia Libera”.

19 Novembre 2019 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agevolazioni fiscali prima casa - Nessuna decadenza dal beneficio se il ritardo nel trasferimento della residenza è imputabile all'esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria dell'immobile acquistato
In materia di agevolazioni per l'acquisto della prima casa, il trasferimento della residenza nel comune di ubicazione dell'immobile costituisce un vero e proprio obbligo per il contribuente a fronte dell'ottenimento del beneficio fiscale. Quindi, anche nella materia in esame deve attribuirsi generale rilevanza alle cause esimenti della responsabilità per inadempimento, quali possono essere la forza maggiore oppure l'evento fortuito. Ammessa la rilevanza di un evento di forza maggiore obiettivamente impeditivo del programma di trasferimento della residenza nel termine prefissato, tale evento può essere ragionevolmente individuato anche nell'impossibilità di utilizzare proprio l'immobile acquistato, con lo scopo di andarvi ad abitare, nel ...

Agevolazioni fiscali per ristrutturazione edilizia e il risparmio energetico - La cessione diretta del credito d'imposta (la detrazione) all'impresa che effettua i lavori in cambio di uno sconto equivalente
Ho sentito parlare della possibilità di fruire delle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione e per la riqualificazione energetica delle unità abitative, fruendo del credito di imposta, sotto forma di sconto sui lavori, direttamente dall'impresa che esegue l'intervento, senza dover attenderne il rimborso in dieci annualità. Come funziona? ...

Spese di manutenzione della caldaia a servizio di un appartamento affittato
La caldaia a servizio del riscaldamento autonomo dell'unità abitativa in cui vivo in locazione si è bloccata: il proprietario dell'immobile si rifiuta di sostenere il costo della riparazione adducendo che si tratta di ordinaria manutenzione dell'impianto. Posso ripararla e detrarre il costo della riparazione dal canone del mese successivo? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Agevolazioni fiscali per lavori di manutenzione ordinaria dopo la chiusura dei lavori