Agevolazioni fiscali per lavori di manutenzione ordinaria dopo la chiusura dei lavori

Ho fatto dei lavori di ristrutturazione nella mia casa privata ed ho comunicato in comune la fine lavori a maggio 2019: a luglio 2019 ho avuto problemi nel bagno , a causa della ditta che ci ha ristrutturato l’appartamento e mi sono affidato quindi ad altra impresa per fare lavori di manutenzione ordinaria (riparazione per perdita d’acqua, sistemazione pareti e piastrelle).

Posso beneficiare del recupero edilizio 50% per questi costi aggiuntivi anche se sono stati fatti dopo la chiusura della Cila in comune?

Gli interventi di manutenzione ordinaria negli immobili, che riguardano la riparazione, il rinnovamento e la sostituzione delle rifiniture nonché necessari ad integrare e mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, non richiedono la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA).

Quindi, nella fattispecie, l’eventuale intervenuta comunicazione di chiusura lavori è irrilevante ai fini delle fruizione delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa vigente per le ristrutturazioni edilizie.

In particolare, se di interesse, si può consultare il Testo Unico DPR 380/2001, che definisce all’articolo 6 i casi in cui un intervento ricade in “Attività Edilizia Libera”.

19 Novembre 2019 · Giorgio Valli



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Agevolazioni fiscali per lavori di manutenzione ordinaria dopo la chiusura dei lavori