Nucleo familiare autonomo ai fini ISEE e reddito di cittadinanza

Ho 36 anni, non ho un lavoro né un reddito, vivo con mia madre che percepisce una pensione di reversibilità di circa 2 mila euro: vorrei chiedervi se cambiassi residenza potrei dichiarare nell’isee di formare un nucleo famigliare a sé stante e quindi poter accedere al reddito di cittadinanza?

Certamente cambiando residenza, andando a vivere da soli – come nei favolosi anni 80 del secolo scorso ci proponeva Jerry Calà – aumentano, e di molto, le possibilità di accedere al beneficio del reddito di cittadinanza.

Ma esistono alcuni punti di criticità che conviene esaminare con attenzione.

1) Se si occupa a titolo gratuito un appartamento concesso in comodato, si perde il diritto al contributo per il canone di locazione (280 euro al massimo) o per il pagamento della rata del mutuo (150 euro al massimo). In pratica si avrà diritto solo alla componente di integrazione al reddito (massimo 500 euro per una persona sola).

2) Se si occupa un appartamento di proprietà, si perde il diritto al contributo per il canone di locazione (280 euro al massimo). Per fruire del beneficio della componente del reddito di cittadinanza intesa come contributo al pagamento della rata del mutuo (150 euro al massimo) bisognerà avere un mutuo in ammortamento. E, in tale ipotesi, nasce il primo problema: come fa un soggetto ad avere stipulato un contratto di mutuo ed a pagarne le rate se non percepisce un reddito? Potrebbero comparire all’orizzonte gli avvisi di accertamento sul reddito senza tener conto che chiunque, al fine di ottenere indebitamente il reddito di cittadinanza, rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, ovvero omette informazioni dovute, è punito con la reclusione da due a sei anni.

3) Se si occupa un appartamento in affitto, il contratto di locazione deve, innanzitutto, essere stato registrato presso l’Agenzia delle Entrate. Anche qui, ci si pone la domanda di come possa fare il beneficiario del reddito di cittadinanza, privo di reddito, a stipulare un contratto di locazione. Se si dichiara un reddito da lavoro compatibile con il contratto di locazione stipulato si finisce con il rinunciare quasi integralmente alla componente di integrazione del reddito di cittadinanza (massimo 500 euro) e con il fruire solo della componente di contributo all’affitto (massimo 280 euro). L’alternativa è esporsi al rischio di ricevere, prima o poi, la notifica di un avviso di accertamento fiscale per presunta evasione delle imposte sul reddito e/o di beccarsi la reclusione da due a sei anni.

10 Febbraio 2019 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Patrimonio mobiliare e reddito familiare ai fini ISEE - Ho diritto a percepire il reddito di cittadinanza?
Ho un invalidità civile del 75%, quindi iscritto al collocamento mirato e quindi credo esonerato dal patto per il lavoro. Dall'Isee ho questi importi: redditi componenti del nucleo 5.821 reddito figurativo patrimonio mobiliare 339.25 isr 6160,25 Patrimonio mobiliare 22.945 detrazione patrimonio mobiliare - 6.000 Patrimonio immobiliare 18.533 detrazione patrimonio immobiliare -16.132 ISP 19.166 ISE 9.933,45 ISEE: 6662,30 Anzitutto non ho capito bene la differenza fra reddito familiare e patrimonio mobiliare ed essendo disabile il limite è fino a 20 mila euro per poter chiedere il reddito di cittadinanza? E la franchigia di 6.000 va tolta nel calcolare tale reddito familiare? ...

Nucleo familiare ISEE ai fini reddito di cittadinanza e prestazioni minorenni quando il padre naturale non convivente deve versare assegno di mantenimento (anche se non adempie)
Vorrei sapere se devo inserire anche i dati del mio ex compagno nell'ISEE: premetto che non conosco la sua situazione attuale, potrei quindi perdere i requisiti per il reddito di cittadinanza. La situazione è questa: ho una figlia di 8 anni che risiede con me in Sardegna dal 2012, il padre risiede in un altra regione e l'ha riconosciuta. Attraverso un decreto del tribunale dei minori prima e tribunale ordinario poi mi è stata affidata la bambina in forma esclusiva, sempre alla bambina è stato riconosciuto un assegno di mantenimento, mai versato, inoltre è stato disposto in caso di visite ...

Nucleo familiare ai fini Isee universitario per studentessa coniugata ma con residenza presso i propri genitori
Vorrei alcuni chiarimenti in merito al Isee universitario e alle modalità di richiesta: sono sposata da un mese e, non avendo un lavoro, sono a carico del mio coniuge (il cui reddito supera i 6 mila e 500 euro annui). Il problema è che non ho il requisito relativo alla residenza, in quanto ho lasciato la casa dei miei genitori solo 6 mesi fa (gennaio 2018). Posso ugualmente fare l'Isee? Quale nucleo famigliare devo considerare? ...

Dove mi trovo?