Minaccia di risoluzione del mutuo concesso da una banca perchè risulto inadempiente rispetto ad un affidamento in conto corrente

Premesso che presso un istituto di credito ho aperte due posizioni, un fido di conto corrente che ho sempre pagato fino a quanto mi sono accorto delle incongruenze relative agli interessi applicati, per tale ragione ho provveduto a fare una superficiale perizia nella quale si riscontrava effettivamente l’applicazione di tassi usurari. Avvisata la banca tramite il mio legale, non sono rientrato con la somma.

La seconda posizione aperta presso la banca è il mutuo di cui ho sempre pagato puntualmente le rate da 11 anni a questa parte, non creando mai nessun problema.

Ieri ho ricevuto la telefonata di un funzionario della mia Banca il quale mi intimava di accordarci con un piano di rientro, adducendo che da un loro riscontro nel fido in conto corrente non vi fosse l’applicazione di tassi usurari. Inoltre mi informava che nel momento in cui non avessi onorato tale debito (relativo al fido) mi avrebbero revocato il mutuo, nonostante sia perfettamente in regola con i pagamenti, non sia protestato o altro e soprattutto non avendo ridotto alcuna garanzia collegata al mutuo.

Altresì il funzionario giustificava questa azione (revoca del mutuo) in quanto vi era una informativa della Banca d’Italia la quale consente agli Istituti di Credito di revocare il mutuo (anche se è sempre stato pagato) a causa di un’altra posizione aperta (il fido non pagato).

la mia domanda sorge dunque spontanea, la Banca può revocare il mutuo in forza di un mancato pagamento di un fido di cui la banca non ha mai agito giudizialmente affinchè rientrassi? E la banca non dovrebbe perseguire anche giudizialmente la sola posizione debitoria del fido invece di minacciarmi con la revoca del mutuo?

In base all’articolo 40, comma due, del Testo Unico Bancario (TUB) attualmente vigente, la banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

Pertanto, il mutuo stipulato non può essere risolto perchè il mutuatario è inadempiente rispetto ad altra posizione debitoria in sofferenza, seppure riferita allo stesso creditore.

A meno che nel contratto di mutuo non sia stata liberamente sottoscritta una clausola espressa che preveda la Decadenza dal Beneficio del Termine (DBT) al verificarsi di una qualsiasi posizione di sofferenza diversa da quella riferibile al mutuo ipotecario, ex articolo 1186 del codice civile.

11 Giugno 2019 · Chiara Nicolai

Volevo chiedere se quanto detto dal funzionario in merito alla normativa della Banca d’Italia era effettivamente fondata. Quest’ultimo affermava che, secondo una informativa della banca d’Italia, ove vi siano due posizioni differenti di cui una onorata (mutuo) e l’altra invece no (fido), la banca avrebbe tranquillamente la possibilità di mettere in sofferenza anche il mutuo seppur sia pagato regolarmente. Vi è conferma di questa normativa / informativa/ direttiva della Banca d’Italia?

Probabilmente il funzionario si riferiva alla possibilità di classificare in sofferenza le posizioni censite nella Centrale Rischi della Banca d’Italia: questione che non ha nulla a che vedere con la facoltà per la banca di risolvere il contratto di mutuo pagato regolarmente a fronte di inadempimento rilevato rispetto alla concessione, al mutuatario, di un affidamento in conto corrente.

15 Giugno 2019 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Banca minaccia risoluzione del contratto di mutuo sempre pagato regolarmente
Sono in causa con una banca in merito ad una fiudeiussione prestata, il giudice ha concesso provvisoria esecuzione ma siamo ancora in causa, l'avvocato però va avanti e avvia procedura espropriazione immobiliare per il mio unico immobile gravato da ipoteca, questo a febbraio, premetto che ad oggi non ho ricevuto nulla se non appunto a febbraio pignoramento immobiliare. La banca che mi ha concesso il mutuo prima casa sempre e dico sempre pagato regolare ora si mette di traverso e mi continua a tempestare di telefonate addirittura con minaccia di revoca mutuo, possono farlo? Il mutuo lo pago da 4 ...

Mutuo cointestato - minaccia della banca
Sono sposato in separazione dei beni, la casa è intestata a mia moglie e il mutuo è cointestato al 33% a tre soggetti, mia moglie, io, e mia suocera. Abbiamo ancora un residuo di circa 100.000 euro, di cui rispondiamo 33.000 euro a testa. I, muto è sempre stato regolarmente pagato, negli ultimi due anno lo paga mia moglie da un suo conto. Parallelamente ho una ditta individuale ed ho messo in sofferenza la mia banca, la medesima che mi ha erogato il mutuo, sono sotto di circa 60.000 euro tra fido di cassa e carte di credito e potrei ...

Comunicazione di decadenza dal beneficio del termine per una carta di credito revolving e per un affidamento in conto corrente - Possibile che la DBT venga fatta valere anche per il mutuo per il quale sono in ritardo di sole due rate?
Ho ricevuto da parte della banca 2 lettere raccomandate di Decadenza del beneficio del termine: la prima si riferisce a una carta di credito, Esposizione Euro 3 mila e 500 euro di cui insoluto/sconfino Euro 3 mila e 500 euro. La seconda, che è quella che mi spaventa di più, fa riferimento al fido di conto corrente e al Mutuo. Nella fattispecie indica C/C N. Esposizione Euro 2.609, di cui insoluto/sconfino Euro 109. Mutuo N. Esposizione Euro 73.500 di cui insoluto Euro 1.140. Nella lettera la banca mi comunica: Vi dichiariamo formalmente decaduti dal beneficio del termine di cui all'articolo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Minaccia di risoluzione del mutuo concesso da una banca perchè risulto inadempiente rispetto ad un affidamento in conto corrente