Possono i creditori impugnare un testamento per conto del debitore leso nella quota di legittima?

Famiglia composta da madre, padre e 3 figli: madre intestataria al 100% di immobile e padre debitore di istituti di credito. Madre fa testamento e lascia tutto alle tre figlie (marito non fa azione di riduzione).

So che i creditori del marito escluso potrebbero comunque impugnare il testamento e fare azione riduzione al posto del loro debitore vero? Entro quali termini, cioè c’e una prescrizione per questi creditori? (es. azione revocatoria di rinuncia ad eredità si prescrive in 5 anni).

Inoltre i creditori come fanno a venire a conoscenza del fatto che il loro debitore è stato escluso dal testamento? Con ispezione ipotecaria sul debitore non vedrebbero nulla giusto?

Il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, può esercitare i diritti e le azioni che spettano verso i terzi al proprio debitore e che questi trascura. In altre parole, il creditore può sostituirsi (surrogarsi) al proprio debitore per esperire azione giudiziale volta al ripristino della quota di legittima, lesa con il testamento (articolo 2900 del codice civile). E questo, già lo sapeva.

L’azione di riduzione delle disposizioni testamentarie avviata dall’erede leso nella quota di legittima si prescrive nel termine di 10 anni dall’apertura della successione (articolo 2946 codice civile).

Il creditore accorto, a cui sono dovute cifre importanti, compie visure periodiche dei registri immobiliari per tutti i componenti della famiglia anagrafica del debitore. Questo perché, spesso, si verificano trasferimenti di proprietà endofamiliari che dissimulano donazioni.

30 Ottobre 2017 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

I creditori possono impugnare un testamento che lede la quota di legittima del proprio debitore?
Sono purtroppo a rischio pignoramento perché ho perso il lavoro: i miei creditori come fanno a sapere che dal testamento di mio padre non ho ricevuto nulla e di quanto ho ricevuto quando lui era in vita, se nel registro delle successioni compare solo il nome di mia madre e mia sorella indicate nel testamento? Come fanno ad avere tali info per contestare la lesione della mia quota legittima. O meglio come fanno a sapere che mio padre è morto ed ha fatto testamento? ...

Successione ereditaria senza testamento e lesione della quota di legittima
Con la morte di mio padre, siamo rimasti mia madre vedova e due figlie (io e mia sorella), quindi siamo tutti legittimari, e inoltre mio padre non ha fatto alcun testamento; secondo me ci saranno litigi tra di noi per dividere, in quanto mia sorella ha sempre avuto molti favori anche economici, e mia madre ha preso gran parte dei beni e adesso io voglio vederci chiaro; volevo chiedere questo: se io scopro che esiste una lesione della mia quota di legittima e dovessi fare l'azione di riduzione o qualche altra procedura per recuperare quello che mi spetta, devo accettare ...

Ho debiti e mio padre mi ha escluso dall'eredità con testamento - I miei creditori possono richiedere la riduzione dell'eredità in mia vece?
Al fine di salvare la mia quota di eredità da eventuali creditori che ho, mio padre mi ha escluso dal suo testamento, lasciando i suoi beni a mia sorella, a mia madre, a mia figlia (sua nipote) che dovrà però prendersi carico del mio mantenimento. Così facendo, ovviamente, viene lesa la mia quota di legittima. La mia domanda è pertanto la seguente: solo io, il delegittimato, posso agire giudizialmente per chiedere la riduzione della legittima o possono eventualmente farlo anche i miei creditori? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Possono i creditori impugnare un testamento per conto del debitore leso nella quota di legittima?