Il datore di lavoro non mi restituisce la somma prelevata per pignoramento dalla mia busta paga dopo che ho concluso un accordo con il creditore versandogli tutto il dovuto

Argomenti correlati:

Avevo un debito con una società che mi ha pignorato un quinto del mio stipendio: ho saldato il debito al 100% con la società, la quale ha spedito una PEC al mio datore di lavoro chiedendo di restituirmi l’intera somma pignorata e di non trattenermi più i soldi dalla mia busta paga.

Il mio datore di lavoro, al momento non mi ha ancora restituito la somma pignorata e se non bastasse mi ha trattenuto ancora un quinto del mio stipendio dopo aver ricevuto questa PEC.

Vorrei sapere come mi devo comportare in questo caso.

La condotta del suo datore di lavoro è ineccepibile: ha ricevuto un atto di pignoramento da parte del creditore ed un ordine del giudice che gli intima di prelevare un tot al mese fino al soddisfacimento del debito azionato.

Poi, un bel mattino, il debitore ed un funzionario della società creditrice si accordano e viene trasmessa dalla PEC del creditore (e meno male che non è stata utilizzata una casella di posta standard) un ordine di revoca del pignoramento. Le cose, purtroppo non funzionano così: esistono delle procedure da rispettare.

Il creditore (e/o il debitore) deve chiedere la revoca del pignoramento al giudice, attestando che il credito azionato è stato completamente soddisfatto. Il giudice deve ordinare al terzo pignorato di sospendere il prelievo dallo stipendio del debitore sottoposto ad azione esecutiva.

Nel frattempo, in osservanza all’accordo, e tenuto conto che comunque il datore di lavoro trasferisce le somme pignorate al creditore procedente, la controparte potrebbe restituire quanto ricevuto dal datore di lavoro al debitore ormai adempiente.

Morale della favola: per fatti che riguardano esclusivamente il debitore e il creditore è stato coinvolto il terzo debitore, incolpevole, con tutte le rotture di scatole operative che derivano dal ricevere un pignoramento presso terzi. Adesso, che debitore e creditore abbiano fatto pace e che non ci sia più bisogno di un prelievo dalla busta paga, lo deve comunicare il giudice al datore di lavoro, non il creditore, seppure da una casella di posta elettronica certificata.

14 Febbraio 2019 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento del quinto della busta paga e nuovo datore di lavoro
Al momento ho in corso un pignoramento del quinto dello stipendio, per via di vecchie grane familiari, da parte di banca IFIS. Mi è arrivata un offerta di lavoro rispetto all'attuale. Come mi devo comportare in questo caso? Sono in possesso della lettera d'intenti del nuovo datore di lavoro, che però non ho ancora firmato per via di questo dubbio. ...

Pignoramento dello stipendio - Non commette reato il datore di lavoro terzo pignorato che, dopo l'assegnazione giudiziale, non trasferisce il quinto della busta paga al creditore procedente
Con riguardo alla procedura esecutiva presso terzi, l'articolo 546 del codice di procedura civile, comma 1, stabilisce che dal giorno in cui gli è notificato l'atto previsto di pignoramento, il terzo è soggetto, relativamente alle cose o alle somme da lui dovute e nei limiti dell'importo del credito precettato aumentato della metà, agli obblighi che la legge impone al custode. Qualora l'oggetto del pignoramento sia un credito, gli obblighi che la legge impone al custode devono interpretarsi nel senso che il terzo, una volta notificatagli il decreto giudiziale di assegnazione al creditore procedente delle somme detenute in custodia, non può ...

Pignoramento dello stipendio nella misura di un quinto laddove preesistono cessione del quinto e prestito delega - Non dovrebbe esserci capienza solo per un prelievo di un decimo dalla busta paga?
Ho appena ricevuto un pignoramento in busta paga pari a un 1/5, avendo già da prima contratto una cessione del quinto ed una delega di pagamento anch'esse pari ad 1/5 ciascuna, per cui mi ritrovo adesso con 3/5 dello stipendio trattenuto cioè pari al 60% della retribuzione netta. La mia domanda è: per legge non dovrebbero lasciare un minimo del 50% dello stipendio? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Il datore di lavoro non mi restituisce la somma prelevata per pignoramento dalla mia busta paga dopo che ho concluso un accordo con il creditore versandogli tutto il dovuto