Il datore di lavoro non mi restituisce la somma prelevata per pignoramento dalla mia busta paga dopo che ho concluso un accordo con il creditore versandogli tutto il dovuto


Il creditore deve chiedere al giudice la revoca del pignoramento azionato presso il terzo, attestando che il credito è stato completamente soddisfatto

Avevo un debito con una società che mi ha pignorato un quinto del mio stipendio: ho saldato il debito al 100% con la società, la quale ha spedito una PEC al mio datore di lavoro chiedendo di restituirmi l’intera somma pignorata e di non trattenermi più i soldi dalla mia busta paga.

Il mio datore di lavoro, al momento non mi ha ancora restituito la somma pignorata e se non bastasse mi ha trattenuto ancora un quinto del mio stipendio dopo aver ricevuto questa PEC.

Vorrei sapere come mi devo comportare in questo caso.

La condotta del suo datore di lavoro è ineccepibile: ha ricevuto un atto di pignoramento da parte del creditore ed un ordine del giudice che gli intima di prelevare un tot al mese fino al soddisfacimento del debito azionato.

Poi, un bel mattino, il debitore ed un funzionario della società creditrice si accordano e viene trasmessa dalla PEC del creditore (e meno male che non è stata utilizzata una casella di posta standard) un ordine di revoca del pignoramento. Le cose, purtroppo non funzionano così: esistono delle procedure da rispettare.

Il creditore (e/o il debitore) deve chiedere la revoca del pignoramento al giudice, attestando che il credito azionato è stato completamente soddisfatto. Il giudice deve ordinare al terzo pignorato di sospendere il prelievo dallo stipendio del debitore sottoposto ad azione esecutiva.

Nel frattempo, in osservanza all’accordo, e tenuto conto che comunque il datore di lavoro trasferisce le somme pignorate al creditore procedente, la controparte potrebbe restituire quanto ricevuto dal datore di lavoro al debitore ormai adempiente.

Morale della favola: per fatti che riguardano esclusivamente il debitore e il creditore è stato coinvolto il terzo debitore, incolpevole, con tutte le rotture di scatole operative che derivano dal ricevere un pignoramento presso terzi. Adesso, che debitore e creditore abbiano fatto pace e che non ci sia più bisogno di un prelievo dalla busta paga, lo deve comunicare il giudice al datore di lavoro, non il creditore, seppure da una casella di posta elettronica certificata.

14 Febbraio 2019 · Ludmilla Karadzic

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 223 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Il datore di lavoro non mi restituisce la somma prelevata per pignoramento dalla mia busta paga dopo che ho concluso un accordo con il creditore versandogli tutto il dovuto. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.