Garanzia Confidi

Nel 2010 ho costituito una nuova società con capitale sociale interamente versato pari a 70 mila euro e la mia banca mi ha erogato un finanziamento di 330 mila euro dietro una garanzia di CONFIDI del 60%, ed io ho pagato al confidi 15 mila euro.

Ad oggi ho messo in liquidazione volontaria l'azienda, e la banca mi ha comunicato che non intende escutere la garanzia confidi perché ritiene più sicure le mie garanzie personali date all'atto della stipula.

1 - ma se le ritiene più sicure perché ha voluto la presenza di un CONFIDI?

2 - io CONFIDI cosa l'ho pagato a fare, se poi devo pagare io anche la parte del 60% ?

3 - all'atto della stipula nessuno mi ha consegnato nessun foglio informativo o mi ha detto che la garanzia CONFIDI funzionava cosi, altrimenti non avrei mai firmato.

La CONFIDI di contratti di fideiussione ne stipula parecchi e nella clausole standard è sempre previsto il beneficio di escussione. Il che vuol dire che la banca creditrice, prima di chiedere i soldi al fideiussore, è obbligata ad esperire ogni possibile tentativo per escutere il debitore principale, cioè lei.

La banca si rivolge a lei, dunque, non tanto perchè le garanzie del debitore principale siano migliori (altrimenti le perplessità esternate nella sua prima domanda sarebbero del tutto giustificate) ma perché vi è contrattualmente obbligata.

I 15 mila euro pagati a CONFIDI coprono i rischi che la società corre nel caso in cui la banca non riuscisse ad escutere il debitore principale e ad ottenere il rimborso almeno del 60% del credito vantato. In un tale scenario CONFIDI sarebbe chiamata a coprire il debito residuale.

Per questo, e non altro, lei ha pagato CONFIDI. Senza la fideiussione prestata da CONFIDI la banca non le avrebbe concesso il finanziamento di 330 mila euro. E va anche aggiunto che, anche ammessa l'assenza nel contratto di fideiussione del beneficio di escussione per CONFIDI, se la banca avesse chiesto ed ottenuto da quest'ultima i 198 mila euro garantiti, lei sarebbe rimasto debitore di Confidi per 198 mila euro, vita natural durante.

Per quanto attiene i rischi connessi all'operazione di fideiussione, al beneficio di escussione riservato al fideiussore ecc.., se lei è sicuro di non aver firmato i fogli informativi può ricorrere, in prima battuta, all'Arbitro Bancario Finanziario. Il reclamo non richiede assistenza legale e può essere presentato con semplice raccomandata A/R. Ma deve essere sicuro di non aver firmato nulla. Se, invece, ha sottoscritto i fogli informativi senza aver letto il loro contenuto con l'attenzione richiesta, rischierebbe solo di perdere tempo lei e di farlo perdere all'ABF.

28 novembre 2014 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fideiussione
fideiussione con beneficio di escussione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

I Confidi
La pratica mutualistica per combattere l'usura, che oggi in Italia si evidenzia nei nuovi organismi di solidarietà previsti dalla legge, ma anche nella rete di libere associazioni, e nello stesso ruolo riconosciuto ai Consorzi di garanzia, ha precedenti antichi. Sono coevi, ad esempio, i Monti frumentari e i Monti di ...
Garanzia legale » Antitrust sanziona Lidl per 300 mila euro
Regole sulla garanzia legale omesse: l'Autorità Garante della Concorrenza ed il mercato (Agcm) ha infilitto a Lidl una multa di 300 mila euro. Contestato il mancato rispetto delle regole sulla garanzia legale di conformità sui prodotti non alimentari. A causa di questa pratica commerciale scorretta,l'Antitrust ha multato Lidl Italia Srl ...
Contratto di mutuo con fideiussione e principio di proporzionalità della garanzia fideiussoria
Sono mutuatario di un contratto di mutuo fondiario dell'importo di 150 mila euro con garanzia ipotecaria di 250 mila euro. L'ipoteca grava su un immobile e su un fondo rustico. Il mutuo è inoltre garantito da una fideiussione fino alla concorrenza dell'importo massimo di 225 mila euro. Ad oggi, ho ...
Ipoteca a garanzia del mutuo
La ipoteca è un diritto reale di garanzia, mediante il quale il creditore (la banca) ha il potere di espropriare il debitore insolvente (cioè che non ha pagato le rate) del bene ipotecato (l'immobile dato a garanzia del mutuo). In altre parole, nel caso in cui il mutuatario non paghi ...
Vincoli gravanti sul bene non rimossi dopo la stipula di un contratto preliminare di compravendita - E' legittimo il rifiuto a sottoscrivere il contratto definitivo
Nella stipula di un contratto preliminare di compravendita immobiliare, l'acquirente non può avvalersi della disciplina relativa alla garanzia dei vizi della cosa venduta o di quella relativa alla garanzia per mancanza di qualità della cosa venduta, le quali presuppongono la conclusione del contratto definitivo e sono estranee al contratto preliminare, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca