Fattura elettronica? - Arriva l'app dell'Agenzia delle Entrate

Sono un barbiere romano che ha sempre rilasciato ai propri clienti fatture cartacee: mi è stato detto da un cliente che queste, tra poco, saranno disponibili solo in formato elettronico.

E' vero?

Cosa cambia?

La Legge di Bilancio 2018 da un'accelerata all'abbandono della fattura cartacea: infatti è previsto che dal 1 Gennaio 2019, tutti i soggetti privati, titolari di partita IVA, dovranno emettere fattura elettronica.

La fattura elettronica è una normale fattura, compilata e firmata digitalmente tramite appositi software, che verrà “salvata” in un formato che ne garantisca l'autenticità dell'origine, l'integrità del contenuto e la leggibilità, secondo quanto stabilito dall'art. 21, comma 3, del D.P.R. 633/1972.

Le fatture così emesse saranno conservate su supporti digitali (es. hard-disk, cd-rom….) e non sarà necessario stamparle.

In realtà l'obbligo del 2019 vige esclusivamente per la fatturazione tra soggetti privati, ossia per i cosiddetti rapporti B2B (“Business to Business”) tra imprenditori, commercianti, società, liberi professionisti, artigiani.

Ancora sarà possibile rilasciare la fattura cartacea ai propri clienti, dunque.

Comunque, prima o poi il cartaceo sarà abbandonato definitivamente.

Per chi si volesse adeguare, l'Agenzia delle Entrate si prepara a offrire i servizi migliori.

Due, infatti, sono i servizi messi in piedi per agevolare la predisposizione e l'invio delle fatture elettroniche.

Il primo permetterà di generare un codice QR, una sorta di biglietto da visita digitale con tutti i dati relativi alla propria partita Iva.

Il secondo, invece, servirà per registrare l'indirizzo telematico prescelto su cui ricevere le fatture elettroniche. I due servizi sono stati realizzati dall'Agenzia delle Entrate non soltanto in previsione della nuova norma, ma anche per rendere più sicura e veloce la ricezione del documento fiscale da parte del cliente.

Per poter usufruire di questi strumenti basterà andare sul sito dell'Agenzia: bisognerà accedere al portale “Fatture e corrispettivi” (il servizio di generazione del codice Qr si trova anche all'interno del cassetto fiscale) con le credenziali Spid, Cns, Entratel o Fisconline.

I contribuenti avranno anche la possibilità di delegare uno o più intermediari all'utilizzo di tutte le funzionalità connesse al processo della fattura elettronica.

Inoltre, si potranno incaricare, separatamente, uno o più professionisti al solo servizio di registrazione dell'indirizzo telematico o a quello di consultazione delle fatture. La delega può essere conferita dall'operatore Iva attraverso Entratel/Fisconline, oppure presentando l'apposito modello presso un qualsiasi Ufficio dell'Agenzia.

La nuova app si chiama “FATTURAE” ed è rivolta ai titolari di partita IVA in possesso delle credenziali Entratel, Fisconline o SPID. Disponibile su Android e iOS, consente di inviare in modo rapido qualsiasi tipo di fattura elettronica utilizzando uno specifico QR Code.

Il QR code è un codice a barre bidimensionale da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta. Inquadrandolo si acquisiranno in automatico tutti i dati del cliente, compreso l'indirizzo telematico a cui inviare la fattura. Il codice può essere generato direttamente dal titolare di partita IVA oppure dal suo intermediario delegato. Per ottenerlo, in formato immagine o in PDF, bisogna accedere al Cassetto fiscale o all'area “Fatture e corrispettivi” utilizzando le proprie credenziali.

Fattura elettronica, al via la nuova App gratuita dell'Agenzia delle Entrate
Applicazione “FatturAE” dell'Agenzia delle Entrate sul Google Play Store

L'Agenzia mette a disposizione anche un pacchetto software installabile sul proprio computer. In questo modo sarà possibile avere sempre disponibili le proprio fatture, anche in modalità offline.

Utilizzare l'app sarà molto semplice: la stessa fornisce una procedura guidata, consentendo di scegliere modelli di fatture ad hoc.

L'app dispone anche di un'area info e assistenza sempre attiva.

Inoltre, vi ricordiamo che FatturAE non può essere utilizzata da società, ma soltanto da operatori Iva ditte individuali e lavoratori autonomi.

Per le società è disponibile la procedura web sul portale “Fatture e Corrispettivi” oppure la procedura stand alone, scaricabile sempre dal sito dell'Agenzia.

27 settembre 2018 · Paolo Rastelli

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

fatturazione elettronica

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca