Eredità a figlio oberato dai debiti


Sia in caso di rinuncia del debitore che in caso di esclusione dello stesso dal testamento, i creditori potranno agire per ottenere la quota di legittima





Vivo con mia madre, la mia compagna, la figlia della mia compagna e le nostre 2 figlie minorenni, in una casa di proprietà esclusiva di mia madre, divenuta tale a seguito della morte di mio padre 2 anni fa: oltre a questa casa dove viviamo tutti, mia madre è proprietaria di un piccolo appartamento attualmente locato a terzi.

Io purtroppo a causa di una precedente attività in proprio non andata bene, mi ritrovo con debiti per un mutuo non pagato di circa 70 mila € e circa 90 mila € in agenzia delle entrate e riscossione ex Equitalia che al momento non sono in grado di onorare neanche con le varie rottamazioni che sono state fatte.

Sono figlio unico e quindi unico erede in caso di decesso di mia madre. Come fare in tal caso per salvare la casa e l appartamento? Vi è la possibilità di fare testamento a favore delle bambine? Io rinuncerei volentieri a tutto. Grazie mille

Si può operare come già fatto in occasione del decesso del papà che ha lasciato, con testamento, tutta l’eredità (la casa di proprietà) al proprio coniuge superstite: i creditori insoddisfatti del figlio, in base all’articolo 2901 del codice civile potranno, nel termine prescrizionale di dieci anni, avviare azione di riduzione dell’eredità nei confronti della vedova, per far assegnare al figlio inadempiente, metà della casa.

Analogamente adesso sono due le soluzioni possibili:

1) la vedova redige testamento assegnando le case di proprietà alle due figlie del figlio debitore;
2) la vedova non redige testamento, ed il figlio rinuncia all’eredità a favore delle nipoti che subentrano per rappresentanza.

Nel primo caso i creditori del figlio pretermesso potrebbero avviare azione di riduzione dell’eredità nei confronti delle due figlie del figlio debitore, facendo assegnare tutta l’eredità a quest’ultimo.

Nel secondo caso i creditori del figlio debitore rinunciante potrebbero chiedere al giudice, in base all’articolo 524 del codice civile, di poter accettare l’eredità in nome e luogo del proprio debitore rinunciante.

In ogni caso ci sarebbero poi le complicazioni derivanti dall’onere di dover gestire l’eredità beneficiata delle figlie, da momento che esse, essendo minori, possono accettare solo con beneficio di inventario.

AL momento, le soluzioni più lineari sembrerebbero quella di alienare i due immobili prima del decesso della proprietaria oppure rinunciare semplicemente all’eredità a favore delle due bambine, sperando che i creditori del figlio rinunciante non agiscano per via giudiziale così come finora accaduto dopo il decesso del genitore del debitore.

21 Maggio 2023 · Michelozzo Marra


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Eredità a figlio oberato dai debiti. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.