E se pensassi prima alla mia famiglia?

Spiego la mia situazione: sono titolare di un negozio (ditta individuale) da 2 anni, e fino ad ora, nonostante il negozio non vada male, ho lavorato solo per pagare tasse, spese ecc...(sono anche in ritardo con un pagamento INPS). negando molto spesso cose a mia moglie, anche le più necessarie come soldi per la spesa ecc... Noi siamo in separazione dei beni, non abbiamo auto e siamo in affitto, e in più tra qualche settimana nascerà il nostro primo figlio. Ora, se da domani decidessi di dare priorità alla mia famiglia, pensando prima a loro e DOPO a pagare le tasse, potrei comunque restare aperto e lavorare? Se dall'incasso giornaliero prendo prima i soldi per la mia famiglia e poi (se ci sono) pago INPS, TASSE ECC?? mi prendo tutte le mie responsabilità, ma potrei lavorare lo stesso o mi costringerebbero a chiudere?

A quanto leggo la stanno già costringendo a chiudere, non tanto l'attività, ma la dignità. Lavorare onestamente e non riuscire a soddisfare le esigenze primarie del proprio nucleo familiare è quanto di più frustrante ed umiliante possa capitare a un uomo. Praticamente si tratta di schiavismo o di estorsione praticata dallo stato: questa è la condizione in cui tanti italiani, non solo lei, sono oggi costretti a vivere.

Il problema, a questo punto, non è tanto decidere se vale la pena di sospendere il pagamento di tasse e contributi per poter andare in vacanza. Si tratta, piuttosto, di fare una scelta di sopravvivenza, per sé e per i propri familiari. E, sotto questo aspetto, non ha altre opzioni, purtroppo.

Per minimizzare i danni conseguenti al pignoramento del conto corrente, dovrà fare in modo di mantenerlo ad un livello di liquidità appena sufficiente a poter operare le transazioni funzionali all'attività che svolge.

Per il resto, pignoramento presso la casa del debitore o di un quinto degli strumenti indispensabili all'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore, si tratta di azioni esecutive assai poco incisive che Equitalia avvia solo in casi particolari. E, comunque, è un rischio che lei è costretto a correre.

Un caloroso augurio per il suo prossimo, luminoso futuro da indebitato insolvente ed un sincero benvenuto fra noi.

16 giugno 2014 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
Famiglia di fatto » Il proprietario dell'immobile non può cambiare la serratura per mandare via la compagna del comodatario
Novità sul riconoscimento della famiglia di fatto: il proprietario dell'immobile non può cambiare la serratura per mandare via la compagna del comodatario. Infatti, il proprietario della casa data in comodato a un parente non può cambiare la serratura mentre questo è in ospedale privando la sua compagna del possesso dell'immobile ...
Agevolazione prima casa » Non si decade dal beneficio se la famiglia cresce ed è necessario acquistare un appartamento più grande
Non si decade dal beneficio dell'agevolazione prima casa se si è costretti ad acquistare un secondo appartamento a causa dell'allargamento della famiglia. Non deve dire addio alle agevolazioni fiscali prima casa il contribuente che possiede un altro immobile abitativo nello stesso Comune che però non è idoneo a soddisfare le ...
Separazione » Ex moglie aveva bruciato carriera per dedicarsi alla famiglia: Sì ad un super assegno di mantenimento
Separazione e divorzio: una carriera bruciata per dedicarsi alla famiglia. Concesso un assegno di mantenimento faraonico all'ex moglie. Riconosciuto l'assegno di mantenimento di € 4.000,00 in favore della ex coniuge poiché quest’ultima non aveva i mezzi per mantenere il tenore di vita goduto durante il matrimonio né la possibilità di ...
La carta famiglia per nuclei familiari con almeno tre figli minori
Come previsto dalla legge di stabilità 2016, è istituita la carta della famiglia, destinata alle famiglie costituite da cittadini italiani o da cittadini stranieri regolarmente residenti nel territorio italiano, con almeno tre figli minori a carico. La carta è rilasciata alle famiglie che ne facciano richiesta, previo pagamento degli interi ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca