E' fattibile l'azione revocatoria dei creditori per la vendita della casa del debitore avvenuta 4 anni prima dell'Ingiunzione?

Io e mio marito abbiamo rilasciato fideiussione, nell'ottobre 2012, a favore di mio fratello, per un mutuo ipotecario concesso dalla banca per estinguere i suoi debiti. Con l'importo ottenuto il fratello ha pagato due rate (delle 120) poi ha smesso. Nell'aprile 2013 abbiamo venduto casa (due appartamenti cointestati) ai figli, uno per ciascuno (mantenimento oneroso). Nell'ottobre 2014 il Figlio maggiore ha donato al fratello il suo appartamento. Nel mese di dicembre 2013 la banca pone a sofferenza il credito verso mio fratello e comunica con raccomandata AR la costituzione in mora ai garanti.

Il 24 agosto 2017 la banca ci ha notificato una ingiunzione di pagamento (€ 49.000) concedendo 40 giorni per l'opposizione, che non abbiamo effettuato (non abbiamo i 49.000 euro, ne possiamo proporre solo € 30.000).

Il figlio minore, proprietario dei due appartamenti della casa, vi risiede con la sua famiglia (tre figli), e nella stessa (un appartamento ciascuno) abitiamo e siamo residenti anche noi.

Possono fare azione revocatoria della vendita e pignorare casa?

Mi spiace tantissimo, gentile signora, ma purtroppo ho cattive notizie da riferirle: per quanto attiene il trasferimento di proprietà dei due immobili ai figli, avvenuto nel 2013, la banca potrà agevolmente richiedere al giudice (ed ottenere) la revocatoria dell'atto di vendita e, naturalmente risulterà inefficace, nei confronti del creditore, anche la successiva donazione intervenuta fra i suoi due figli.

La prescrizione dell'azione revocatoria è quinquennale, ma non decorre propriamente dalla data dell'atto revocando, bensì dal momento in cui dell'atto è stata data pubblicità ai terzi (attraverso la trascrizione nei registri immobiliari), in quanto solo da questo momento il diritto può esser fatto valere.

Peraltro, c'è da aggiungere che l'ipoteca si trasferisce insieme al bene vincolato: quindi, la banca potrebbe anche tralasciare di esercitare l'azione revocatoria e agire esecutivamente sull'immobile ipotecato, indipendentemente dalla circostanza che l'attuale proprietario non sia un suo debitore.

La relativa impignorabilità dell'unico immobile di proprietà del debitore, nel quale egli risiede, si riferisce esclusivamente alle azioni esecutive promosse dal concessionario della riscossione per debiti di natura esattoriale (tributi per cui agiva Equitalia fino al luglio 2017, oggi sostituita da Agenzia Entrate Riscossione). Peraltro, si tratta di una tutela in via di estinzione, dal momento che lo Stato sta pensando bene di cedere i propri crediti esattoriali alle banche, che saranno, così, libere di espropriare anche l'unica casa del debitore nella quale quest'ultimo vive.

Insomma, la banca può espropriare la casa, anche se è l'unica proprietà del debitore e anche se egli vi risiede insieme alla propria famiglia.

27 ottobre 2017 · Ludmilla Karadzic

Altre discussioni simili nel forum

azione revocatoria ordinaria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale bonifico)
prescrizione azione revocatoria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca