Distacco fornitura gas a intero condominio per morosità singolo individuo - Cosa facciamo adesso?

Uno degli inquilini del condominio in cui vivo non paga da mesi le bollette per la fornitura del gas: dopo un pò di tempo l'agenzia fornitrice ha staccato l'emissione a tutto lo stabile.

Io mi chiedo se è normale questo modo di operare e perché dobbiamo farne le spese noi condomini che abbiamo pagato sempre regolarmente.

Possiamo costringere l'inquilino a pagare? Oppure possiamo effettuare un reclamo contro la società?

Non mi sembra una cosa legale.

Purtroppo questo modus operandi, adottato dalle società fornitrici, non è alquanto raro: si tratta, infatti, degli effetti dei sistemi di intestazione delle utenze che, di norma, vengono intestate al condominio intero, nonostante la presenza di contatori individuali.

In questi casi, quando l'amministratore di condominio non riesce a riscuotere tutti i canoni mensili dovuti, non paga il dovuto ai fornitori, i quali interrompono l'erogazione del servizio all'intero stabile.

Così facendo, il danno è lo stesso sia per i virtuosi che per i morosi.

Ciò avviene perché, anche se il volturista legge i consumi di ciascun appartamento, fa i conteggi e li consegna all'amministratore (il quale poi emette le quote dovute da ciascun proprietario), ciò non intacca il rapporto con la società che gestisce il servizio, la quale ha firmato un unico contratto per tutto il condominio.

Ne consegue che, per la società fornitrice, tutto il condominio si trova in condizione di morosità: anche se chi ha sempre onorato le proprie fatture contesterà il distacco dell'utenza, la società non vorrà sentir ragioni.

Ma ciò non vuol dire che bisogna pagare anche le fatture dei vicini morosi: questa pratica, infatti, è assolutamente illecita.

La norma che regola le leggi del condominio, infatti, vieta la creazione di un fondo cassa per compensare la mancata riscossione delle quote condominiali.

Inoltre, il creditore, per prima cosa, deve procedere ad agire in giudizio e a effettuare pignoramento contro gli utenti morosi, la cui lista gli deve essere consegnata dall'amministratore.

Esclusivamente solo dopo aver esperito tali rimedi giudiziari, qualora il creditore non riesca a riscuotere alcunché, potrà rivalersi anche sui condomini in regola.

Pertanto è consigliabile inviare, per il momento, una lettera alla società fornitrice intimando il rispetto della normativa e chiedere un risarcimento danni.

16 novembre 2017 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

condominio
debiti condominiali
fornitura gas
morosità fornitura gas e luce

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sospensione fornitura idrica al condominio - Per la morosità di alcuni tutti i condomini restano senza acqua
Ponendosi il condominio, nei confronti dei terzi, come soggetto di gestione dei diritti e degli obblighi dei singoli condomini, attinenti alle parti comuni, l'amministratore assume la qualità di necessario rappresentante della collettività dei condomini sia nella fase di assunzione di obblighi verso terzi, per la conservazione delle cose comuni sia, ...
Il condominio e le morosità » Quando a farne le spese sono gli inquilini in regola
Morosità condominiale: a farne le spese sono sempre i condomini in regola con i pagamenti. Scopriamo perché. Come noto, la riforma del condominio ha cambiato completamente tutte le regole per il caso di condomini morosi, che non abbiano pagato le quote condominiali. In linea generale, con la nuova normativa è ...
Riforma del condominio e distacco da impianto centralizzato di riscaldamento e raffreddamento
La riforma del condominio ha, espressamente, ammesso la possibilità del singolo condomino di distaccarsi dall'impianto centralizzato di riscaldamento o di raffreddamento ma a condizione che dimostri che dal distacco non derivino notevoli squilibri di funzionamento dell'impianto od aggravi di spesa per gli altri condomini. Il condomino che intende distaccarsi deve, ...
Le parti comuni si presumono in comproprietà fra i condomini a meno che non sia prevista la totale esenzione dalla contribuzione delle spese di manutenzione e conservazione per alcune di esse
La proprietà dell'ascensore è comune a tutti i condomini: il criterio di ripartizione delle relative spese non incide sul regime di proprietà. Infatti, deve ritenersi legittima non solo una convenzione che ripartisca le spese per l'ascensore tra i condomini in misura diversa da quella legale, ma anche quella che preveda ...
Morosità e condominio - chiude anche l'ultimo paradiso del debitore
Brutte notizie per i condomini morosi: fino ad oggi le procedure di recupero delle quote condominiali non pagate risultavano piuttosto farraginose e poco efficaci. Ma, a partire dal 18 giugno 2013, data di entrata in vigore della riforma del condominio, la musica è cambiata e, ahimé, in peggio per noi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande