Successione legittima di due buoni postali fruttiferi (BPF)

Argomenti correlati:

Mia zia deceduta nel 2016 (con ascendenti premorti, marito premorto e senza prole) ha disposto dei propri beni con testamento olografo in cui dice che lascia a me nipote solo dei buoni postali fruttiferi (BPF) cointestati con lei e nessun altro bene nè mobile nè immobile.

Dopo il decesso della zia sono stati trovati dei BPF in cui lei era l’unica intestataria non essendo indicati nel testamento olografo vanno divisi per successione legittima.
Gli eredi legittimi sono: sua sorella premorta ( mia madre), un’altra sorella deceduta 20 giorni dopo di lei, un fratello ancora in vita.

Nel momento che con quella frase scritta nel testamento olografo mi ha diseredato non mi tocca niente per rappresentazione di mia madre premorta.

I BPF nono indicati nel testamento olografo vanno divisi 50% fratello vivente e l’altro 50% alla sorella deceduta 20 giorni dopo.

Del 50% della sorella deceduta 20 giorni dopo va il 25% al fratello e l’altro 25% a mia madre premorta e quindi a me per rappresentazione?.

Oppure per il fatto che mia zia mi ha diseredato non mi verrà attribuito neanche questo 25%?.

Lei ha diritto al 25% del valore di liquidazione dei buoni postali fruttiferi lasciati dalla zia deceduta nel 2016, mentre il 75% di tale valore spetta a suo zio. Per successione legittima in rappresentazione di beni non inclusi nel testamento olografo del de cuius.

28 Febbraio 2019 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Liquidazione di buoni fruttiferi postali cointestati con pari facoltà di rimborso con soggetto deceduto
Vorrei sapere se è legittimo il rifiuto di Poste italiane di liquidare a vista dei buoni fruttiferi postali, caratterizzati dalla clausola "pari facoltà di rimborso", cointestati a mia zia paterna (deceduta nel 2013) e alla sottoscritta. Mi è stata richiesta la dichiarazione di successione (da aprire presso l'ufficio postale) e la chiamata degli altri eredi. So che sia la Cassazione sia altri tribunali si sono espressi condannando Poste Italiane per questo comportamento ma a quanto sembra non c'è stato il dovuto adeguamento. ...

Ipotesi di querela per riscossione indebita di due Buoni Postali Fruttiferi (BPF) da parte del rappresentante
Mia zia è deceduta il 20-02-2015 era intestataria di 2 buoni postali fruttiferi (BPF): questi BPF avevano la seguente intestazione:nome e cognome della zia e la (scritta) sigla Rapp che sta per rappresentante (un altro intestatario di cui poste italiane avendomi inviato l'esito della ricerca titoli/rapporti da me richiesti non mi dice chi sia questo rappresentante). Gli eredi dei 2 BPF sono gli eredi legittimi in quanto i 2 BPF non sono stati elencati nel testamento e ipotizziamo che il rappresentante non sia un erede ma un legatario. Poste italiane mi dice per iscritto che titolare esclusiva dei BPF è ...

Eredità e successione - Quando il testatore designa un sostituto dell'erede che non può accettare
Siamo due sorelle con i genitori deceduti: nel 1997 è deceduto mio padre che ha lasciato in eredità a mia sorella l'usufrutto di mezzo appartamento. e la nuda proprietà a suo figlio. Mia sorella ha pubblicato il testamento ed ha accettato l'eredità. Nel 2013 è deceduta mia madre che ha lasciato la sua metà dell'appartamento a noi sorelle. Purtroppo in questo secondo testamento. Mia sorella risultava persona scomparsa e il suo quarto di proprietà è passato al figlio per gli effetti dell'articolo 700 del codice civile. Il problema è che il giudice, invocando il citato articolo 700 del codice civile, ...

Dove mi trovo?