Dichiarazione dei redditi e lavoro a Londra

Mia figlia risulta residente in italia e da ottobre 2018 lavora a Londra in quanto è stata assunta come barista part-time. Ogni due settimane viene retribuita e riceve una sorta di busta paga con indicato il numero di ore che ha svolto, l’importo lordo e l’importo netto percepito. Dovrà presentare la dichiarazione dei redditi in italia dichiarando il reddito percepito a Londra?

Per gli stipendi, pagati da un datore di lavoro privato, ad un lavoratore italiano soggiornante a Londra, è prevista la tassazione esclusiva in Italia solo quando sussistono contemporaneamente le seguenti condizioni:
– il lavoratore residente in Italia presta la sua attività nel Paese estero per meno di 183 giorni;
– le remunerazioni sono pagate da un datore di lavoro residente in Italia;
– l’onere (relativo alla retribuzione) non è sostenuto da un datore di lavoro con una stabile organizzazione nel Regno Unito.

Pertanto, avendo soggiornato a Londra del 2018 a Londra per massimo 90 giorni (un trimestre), sua figlia nella dichiarazione 2019 redditi 2018 dovrà dichiarare quanto percepito, sottoporre il reddito a tassazione secondo le aliquote vigenti in Italia e poi detrarre le tasse versate in Inghilterra.

Invece, – per i lavoratori dipendenti che, pur avendo soggiornato nel Regno Unito per più di 183 giorni, sono considerati residenti in Italia in quanto hanno mantenuto in Italia i propri legami familiari ed il centro dei propri interessi patrimoniali e sociali – il reddito è determinato sulla base delle retribuzioni convenzionali definite annualmente con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, ai sensi del comma 8 bis dell’articolo 51 del Testo Unico sulle Imposte sul Reddito (TUIR). Si consulti, a proposito, questo post.

19 Febbraio 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prestazione occasionale a favore di un privato - Il corrispettivo percepito da un pensionato va riportato in dichiarazione dei redditi?
Un privato pensionato ha percepito un compenso di 1000 euro per aver svolto un lavoretto occasionale presso l'abitazione di un'altro soggetto privato. Nella dichiarazione dei redditi deve dichiarare questo importo dato che percepisce anche la pensione? La ritenuta d'acconto, trattandosi di privati, non è stata applicata. ...

Dubbio sulla presentazione della dichiarazione dei redditi per lavoratore domestico pensionato
Volevo sapere se sono obbligato presentare la dichiarazione dei redditi in quanto sono titolare di pensione di vecchiaia ed inoltre sono un lavoratore domestico (giardiniere) quindi ho la certificazione dei redditi rilasciata dal privato, datore di lavoro. Il compenso che ho percepito sta sotto gli 8.000,00 euro annui quindi è inferiore alla soglia per l'obbligo alla presentazione della dichiarazione dei Redditi. Devo comunque presentarla per fare il cumulo dei redditi pensione più lavoro domestico? ...

Omessa dichiarazione dei redditi percepiti nel 2005
Mio cognato, nel 2005 ha percepito un reddito di 7463 euro dall' inps come pensione e 4718 euro da lavoro dipendente.La pensione è di invalidità. Non ha fatto la dichiarazione e gli sono state calcolate le tasse irpef solo sulla pensione. Gli è arrivata a casa l'avviso di accertamento redditi 2004 e mancata dichiarazione redditi in data 10 settembre 2011. Può sussistere la prescrizione di questa cartella? Ci sono estremi per presentare ricorso? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Dichiarazione dei redditi e lavoro a Londra