Decreto ingiuntivo per il mancato pagamento di fatture emesse dal creditore

La mia srl ha effettuato lavori di ristrutturazione edili per un committente che, alla fine, pur accettando l’esecuzione senza riserve, non ha saldato il conto: visti gli inutili solleciti di pagamento, vorrei chiedere, tramite l’avvocato della società, un decreto ingiuntivo potendo esibire le fatture emesse senza riscontro di corrispettivo.

Cosa potrebbe eccepire la controparte in sede di opposizione al decreto ingiuntivo?

L’articolo 633 del codice di procedura civile dispone sostanzialmente che su domanda di chi è creditore di una somma liquida di danaro, il giudice competente pronuncia ingiunzione di pagamento se del diritto fatto valere si dà prova scritta. Il successivo articolo 634 stabilisce che sono prove scritte idonee per i crediti relativi a prestazioni di servizi fatte da imprenditori che esercitano attività commerciale e da lavoratori autonomi, gli estratti autentici delle scritture contabili.

Più precisamente, la giurisprudenza di legittimità (Corte di cassazione, sentenza 17050/2011), investita della questione, ha affermato che la regolare fattura commerciale, a formazione unilaterale, ha la funzione di dimostrare, in fase monitoria, l’esecuzione di un precedente contratto ed è ritenuta idonea prova scritta per ottenere il decreto ingiuntivo.

Ora, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo spetta al creditore (la società a responsabilità limitata che ha eseguito i lavori) l’onere di dare la prova del proprio credito. Tale prova non potrà essere limitata alla mera fattura commerciale, utile per ottenere il decreto ingiuntivo, ma non sufficiente per provare il credito in fase di opposizione trattandosi di un documento emesso dallo stesso creditore e dunque, a formazione unilaterale (Corte di cassazione ordinanza 21466/2013).

In parole semplici, in una eventuale fase di opposizione a decreto ingiuntivo, il creditore opposto deve esibire il contratto sottoscritto dalle parti, con il dettaglio degli importi da corrispondere in relazione allo Stato di Avanzamento dei Lavori (SAL) in base al quale sono state emesse la fatture, se non vuole rischiare la revoca del decreto ingiuntivo.

Insomma, la fattura è un titolo idoneo per l’emissione di un decreto ingiuntivo in favore del creditore che l’ha emessa; tuttavia, nell’eventuale giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo promosso dal debitore, la fattura rimasta impagata non costituisce prova dell’esistenza del credito, che dovrà essere dimostrato dal creditore opposto con la produzione, in giudizio, del contratto sottoscritto dalle parti che giustifica l’emissione della fattura.

7 Ottobre 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La prescrizione del diritto di riscuotere fatture commerciali non onorate dopo la DBT ed un decreto ingiuntivo?
Viene emesso un decreto ingiuntivo su una fattura del 5/11/2008, creditore la PANINI spa: vengono prodotti la fattura, estratto autentico scritture contabili, ordine di acquisto del 28/10/2008 e condizioni generali di vendita. Posto che nell'eventuale giudizio di merito in seguito a una opposizione la fattura non ha valenza probatoria, si chiede qual è la prescrizione delle fatture commerciali. Erano state pagate solo alcune rate con decadenza dal beneficio del termine, non vi sono atti interruttivi. Le fatture commerciali non dovrebbero prescriversi in 5 anni? Nel caso di fattura emessa da un'azienda verso un consumatore finale potrebbe applicarsi un termine di ...

Debito con fornitore per mancato pagamento ri.ba (decreto ingiuntivo)
Vi espongo una questione che mi da molti pensieri...a Gennaio dello scorso anno..non ho pagato una riba di 1500 euro a dei fornitori … per gravi problemi finanziari che ancora persistono. Comunque a maggio con grandi sacrifici ho fatto un bonifico di 500 euro. Poi però non ho più potuto estinguere il debito rimanente di 1000 euro. Loro mi hanno richiamato un paio di volte intimandomi di saldare la rimanenza. A fine Novembre mi ha scritto (raccomandata con ricevuta) un loro avvocato intimandomi di pagare senza dilazione entro 8 giorni i 1000 euro rimanenti + interessi e spese in totale ...

Decreto ingiuntivo - Come mai la somma ingiunta è molto maggiore del debito residuo, e quanto il creditore potrà prelevare dal mio stipendio in caso di pignoramento?
In data odierna ho ricevuto un decreto ingiuntivo con richiesta di euro 29 mila e 900 euro: avevo dei finanziamenti con Unicredit e pagavo, o meglio, ho pagato questi 3 finanziamenti o prestiti, per un totale di 600 euro al mese. Poi non ho potuto più pagare: avendo io stesso più volte chiesto al direttore della filiale di cercare una rimodulazione dei prestiti abbassando le rate e allungando la durata, mi è stato negato.dal 2014 ho smesso di pagare. Dopo varie vicissitudini con recupero crediti, il credito è stato ceduto ad un altra società di recupero di Messina (da premettere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decreto ingiuntivo per il mancato pagamento di fatture emesse dal creditore