Decreto ingiuntivo - Come mai la somma ingiunta è molto maggiore del debito residuo, e quanto il creditore potrà prelevare dal mio stipendio in caso di pignoramento?

In data odierna ho ricevuto un decreto ingiuntivo con richiesta di euro 29 mila e 900 euro: avevo dei finanziamenti con Unicredit e pagavo, o meglio, ho pagato questi 3 finanziamenti o prestiti, per un totale di 600 euro al mese. Poi non ho potuto più pagare: avendo io stesso più volte chiesto al direttore della filiale di cercare una rimodulazione dei prestiti abbassando le rate e allungando la durata, mi è stato negato.dal 2014 ho smesso di pagare. Dopo varie vicissitudini con recupero crediti, il credito è stato ceduto ad un altra società di recupero di Messina (da premettere che io sono in provincia di Caserta) la quale mi ha fatto questo decreto ingiuntivo.

Vorrei sapere visto che non ho perfettamente nulla intestato a mio nome, possiedo uno stipendio in azienda privata ed ho una cessione di 153 euro ed una delega di 165 con un netto a me in busta di 1200 euro cosa possono fare? Un'altra cosa gentilmente in caso di pignoramento io vivo con mia moglie e 2 figli in affitto e l'auto è intestata a mia moglie, con la quale sono in comunione dei beni Cosa possono pignorare? Non viene messo in conto che ho figli e il minimo per vivere in quattro viene messo in considerazione? Ancora una cosa per quanto riguarda il conto corrente: nel 2016 tramite un mio avvocato di fiducia abbiamo chiesto con raccomandata a/r la chiusura del conto che all'epoca era sì in negativo e mi fu rifiutato anche all'avvocato. Ma una somma che oggi mi chiedono è di circa 4400 euro: molto più che all'epoca erano circa 1800 euro. Preciso che nel decreto ingiuntivo la somma di 29.900 è a loro dire completa di interessi e more, ma a me il debito completo poiché ho pagato per due anni e pochi mesi nei miei conteggi risulta circa 21.700 euro. Come è possibile che in tre anni ci sono quasi 8 mila euro in più?Costantino

La somma ingiunta è gravata dagli interessi di mora per ritardato pagamento e dalle spese giudiziali sostenute dal creditore. Spesso i creditori gonfiano la pretesa basandosi sul presupposto che il debitore non presenterà opposizione al decreto ingiuntivo per verificare la correttezza dei calcoli e l'entità delle presunte spese giudiziali.

Se lo ritiene e ne ha la possibilità, può opporsi al decreto ingiuntivo entro 40 giorni dalla data di notifica, ma avrà bisogno di assistenza legale.

Per quanto attiene il pignoramento, invece, va precisato che lei percepisce uno stipendio, al netto degli oneri fiscali e contributivi, di 1518 euro: in caso di pignoramento della busta paga, le verrebbero prelevati circa 304 euro al mese.

Tenga conto che il prestito delega non ha alcuna influenza nelle dinamiche di pignoramento stipendiali, mentre la cessione del quinto potrebbe limitare l'entità del prelievo esclusivamente nel caso in cui la somma della rata mensile, destinata al rimborso del prestito dietro cessione, e di quella pignorata, superassero il 50% della retribuzione percepita: e non è questo il caso.

Il giudice, nel determinare l'entità del prelievo su richiesta del creditore procedente, deve attenersi scrupolosamente a quanto previsto dall'articolo 545 del codice di procedura civile ed, eventualmente, da altre leggi speciali in materia. Non può, in alcun modo, prendere in considerazione le esigenze del debitore nell'assolvere ai propri impegni familiari. Se lo facesse, si vedrebbe impugnato il provvedimento, con ineccepibili motivazioni, da parte del creditore.

Per quanto riguarda invece la chiusura del conto corrente in rosso, lei ne aveva e ne ha pienamente diritto: pertanto, non sono assolutamente giustificabili gli interessi pretesi dalla banca sullo scoperto maturati dal 2016 ad oggi. Per vedere sancito il suo diritto, non c'è bisogno di un avvocato. Può inviare, con raccomandata AR, reclamo alla banca chiedendo l'immediata chiusura del conto corrente ed il ricalcolo degli interessi passivi fino alla data in cui, nel 2016, presentò istanza di chiusura del rapporto (nella speranza che abbia conservato un documento che attesti la richiesta).

Passati 30 giorni dalla data in cui il reclamo sarà pervenuto alla controparte, in caso di silenzio o di risposta non soddisfacente, potrà presentare ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) per ottenere la chiusura del conto corrente ed il ricalcolo dell'esposizione debitoria. Basterà inviare, per posta, un semplice resoconto sugli avvenimenti da lei qui riportati e versare 20 euro per diritti di segreteria (che le verranno restituiti qualora il ricorso venisse accolto).

Per informazioni sulla procedura da seguire troverà dettagliate informazioni su questo sito o su quello istituzionale dell'ABF.

Infine, va aggiunto che è teoricamente possibile anche l'espropriazione del veicolo di proprietà di sua moglie, coniuge in regime di comunione dei beni, nonché di arredi e quant'altro presente e pignorabile nella casa in cui il debitore risiede o domicilia.

Si tratta, tuttavia, di azioni esecutive a cui il creditore non ricorre quasi mai per l'inefficacia di questo tipo di azione esecutiva: inutile anticipare le spese giudiziali per pignorare un veicolo usato, o prelevare mobili vecchi dall'appartamento in cui vive il debitore, per collocarli all'asta.

Il pignoramento del veicolo viene effettuato solo se si tratta di un bene di elevato valore, e si ricorre al pignoramento presso la residenza del debitore solo qualora si abbia la ragionevole certezza di potervi rinvenire gioielli, quadri d'autore, mobili di antiquariato, complementi di arredo di pregio griffati da noti designers, collezioni di orologi o di materiale filatelico, impianti sofisticati ed avanzati di intrattenimento, eccetera.

Se questo può esserle motivo di conforto, riteniamo che il creditore propenderà sicuramente per il pignoramento dello stipendio.

3 marzo 2018 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente - chiusura in rosso
decreto ingiuntivo
opposizione a decreto ingiuntivo
pignoramento stipendio
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e ...
Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, ...
Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ...
Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al ...
Prima di procedere con opposizione a decreto ingiuntivo il debitore deve effettuare un tentativo di mediazione
La normativa vigente, attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria, mira a rendere il processo la estrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca