Decreto ingiuntivo con provvisoria esecutività e precetto - Cosa accade se a seguito di un accordo con il creditore, nel frattempo, vendo l'unico bene di mia proprietà?

Riscrivo in riferimento a questa discussione: la questione, è esattamente come l'ho esposta in precedenza. Ho ricevuto decreto ingiuntivo e precetto, nell'atto viene indicato l'unico bene di cui sono proprietario (una quota al 50% di un immobile), viene richiesta la provvisoria esecutività, ma non ho mai ricevuto e non è nemmeno mai stato richiesto il pignoramento di quel bene. Difatti, successivamente alla scadenza dei 40 giorni per fare opposizione (cosa che non ho fatto), ho sottoscritto un accordo con il creditore che prevede il pagamento di quanto dovuto da parte mia entro un tempo assai lungo.

Il creditore, qualora non venga rispettato predetto termine, potrà in seguito agire in forza del titolo che ha già in mano, ovvero il decreto ingiuntivo.

La mia domanda, pertanto, è la stessa: posso vendere questo bene?

Se il creditore richiede la provvisoria esecutività del decreto ingiuntivo, il bene del debitore da sottoporre ad immediata esecuzione va, ovviamente, indicato nel provvedimento. In questo, caso il precetto verrà notificato senza la concessione al debitore dei termini ad adempiere (da un minimo di dieci ad un massimo di novanta giorni) ed il pignoramento del bene potrà essere effettuato immediatamente dopo la notifica del precetto.

Il pignoramento è inefficace se dopo la notifica dell'atto decorrono 45 giorni senza che sia stata chiesta l'assegnazione o la vendita del bene. Nel suo caso non è stata avviata nemmeno la procedura di pignoramento.

La sua quota di immobile è dunque libera da gravami e può essere pertanto alienata. Tuttavia il creditore, entro cinque anni dalla vendita e qualora l'accordo venisse disatteso dal debitore, potrà sempre chiedere al tribunale la revoca dell'atto che ha trasferito a terzi la proprietà della quota immobiliare detenuta dal debitore inadempiente prima della transazione stragiudiziale.

11 aprile 2017 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

decreto ingiuntivo
precetto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Decreto ingiuntivo non notificato correttamente? I rimedi: opposizione all'esecuzione ed opposizione tardiva
In caso di esecuzione forzata, iniziata con un decreto ingiuntivo non notificato correttamente, gli unici rimedi per il debitore sono presentare l'opposizione all'esecuzione o l'opposizione tardiva. In tema di esecuzione forzata avviata sulla base di un decreto ingiuntivo, infatti, occorre distinguere tra l'ipotesi di deduzione della inesistenza della relativa notificata ...
Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, ...
Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al ...
Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ...
Notifica del decreto ingiuntivo e del precetto - irreperibilità del debitore e vizi di nullità
La notifica di un decreto ingiuntivo o di un precetto richiede che l'ufficiale giudiziario indichi specificamente le ragioni di difficoltà materiale per cui non ha potuto procedere, descrivendo, in particolare, le infruttuose ricerche del debitore nel luogo di residenza, dimora, o di domicilio, con conseguente illegittimità della notifica qualora la ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca