Debiti nell’asse ereditario – Attivo da spartire in caso di cartelle esattoriali intestate al defunto e di là da venire


Nel calcolare le quote di legittima vanno detratti all’attivo ereditario solo i debiti che il de cuius aveva al momento della morte? Non si tiene conto di quelli che arriveranno con delle cartelle esattoriali o quelli vinti tramite ricorso?

Per il calcolo della quota disponibile al de cuius (e specularmente di quella riservata ai legittimari) – in relazione all’attivo netto ereditario – dei debiti futuri non si tiene conto, ma solo di quelli accertati al momento del decesso: se esiste la possibilità che arriveranno cartelle esattoriali e che possa essere vinto qualche ricorso, i debiti, al netto dei ricorsi vinti, andranno saldati dai coeredi (i chiamati che hanno accettato) in proporzione alle proprie quote ereditarie.

L’articolo 752 del codice civile dispone che i coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti in proporzione delle loro quote ereditarie: ciascuno dei coeredi sarà responsabile (singolarmente e non solidalmente) per una quota del debito residuo lasciato dal defunto pari alla quota di eredità che gli è spettata.

18 Aprile 2019 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debiti nell’asse ereditario – Attivo da spartire in caso di cartelle esattoriali intestate al defunto e di là da venire