Debiti inps per reato penale

Il primo luglio del 2015 ho patteggiato il reato di truffa aggravata ai danni dell'inps: sono stato condannato ad 1 anno e 6 mesi con pena sospesa perché incensurato. La mia casa è stata sottoposta a sequestro preventivo (da giugno 2013) per circa i due terzi del suo valore catastale.

Da ciò che mi ha detto l'avvocato, l'inps non si sarebbe nemmeno presentata all'udienza.

L'ente dovrebbe inviarmi una cartella esattoriale per ciò che pretende, prima di pignorarmi casa?

Inoltre, oggi, leggo questa cosa sul sito dell'Inps:

LA DECADENZA

Per i contributi ed i premi non versati e per gli accertamenti notificati successivamente alla data del 1 gennaio 2004 l'istituto ha l'obbligo di iscrivere in ruoli resi esecutivi a pena di decadenza entro i seguenti termini (D.Lgs. 46/99 art. 25 e 36 comma 6, modificato dall'art 4 della L. 350/2003):

  • per i contributi o premi non versati dal debitore, entro il 31 dicembre dell'anno successivo al termine fissato per il versamento; in caso di denuncia o comunicazione tardiva o di riconoscimento del debito, tale termine decorre dalla data di conoscenza da parte dell'ente;
  • per i contributi o premi dovuti in forza di accertamenti effettuati dagli uffici, entro il 31 dicembre dell'anno successivo alla data di notifica del provvedimento ovvero, per quelli sottoposti a gravame giudiziario, entro il 31 dicembre dell'anno successivo a quello in cui il provvedimento è divenuto definitivo.

La mancata iscrizione a ruolo nei termini indicati determina per l'Istituto la perdita del diritto di iscrivere a ruolo e per il concessionario l'impossibilità di riscuotere.

Vi chiedo, ha valore anche per il mio caso (quindi dopo il 31 dicembre di quest'anno non potrebbero chiedere più nulla)?

Devo in tutto circa 24 mila euro all'inps, se riesco a pagare una parte del debito posso chiedere il dissequestro, e come? Dato che non posso permettermi nemmeno più un avvocato.

Ultima cosa: se l'inps non si è costituita parte civile, cosa succede?

La decadenza per l'azione esecutiva di recupero del credito contributivo vantato dall'INPS nei suoi confronti non credo possa essere correlata alla data di perfezionamento della procedura di patteggiamento della pena per truffa aggravata.

Fossi in lei verificherei, onde evitare facili illusioni, che non le siano già state notificate, per compiuta giacenza, le cartelle esattoriali necessarie al recupero dell'evasione contributiva comunque accertata in epoca precedente al luglio 2015.

La mancata costituzione come parte civile dell'Inps nel processo penale a suo carico significa soltanto che l'istituto previdenziale non procederà a chiederle un risarcimento danni in sede civile per la truffa aggravata subita.

Piuttosto, dovrà aspettarsi ulteriori cartelle esattoriali per il pagamento delle spese di giustizia: il termine di prescrizione delle spese processuali è quello ordinario di cui all'articolo 2946 del codice civile, vale a dire dieci anni dalla data in cui la sentenza, civile o penale, è divenuta irrevocabile o, comunque, dalla data in cui il provvedimento conclusivo del processo è divenuto definitivo.

18 maggio 2016 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

contributi inps
prescrizione contributi inps

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contributi non versati e decadenza - quando l'INPS non può più riscuotere il credito
Per i contributi ed i premi non versati e per gli accertamenti notificati successivamente alla data del 1 gennaio 2004 l'istituto ha l'obbligo di iscrivere il credito in ruoli resi esecutivi a pena di decadenza entro i  termini previsti dal decreto legislativo  46/99 art. 25 e 36 comma 6, come modificato ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...
Omissione contributiva - Gli atti interruttivi della prescrizione si estendono anche alle sanzioni civili
Tutti gli atti interruttivi posti in essere dall'INPS non contengono alcun riferimento specifico alle sanzioni civili: la domanda che ci si pone è se si estendono anche al credito dell'INPS per le sanzioni civili gli effetti degli atti interruttivi posti in essere con riferimento al credito per omissione contributiva. Nella ...
Sanzioni civili connesse ad omissione ed evasione contributiva - Differenze
La normativa vigente (legge 388/00) prevede che i soggetti che non provvedono entro il termine stabilito al pagamento dei contributi o premi dovuti alle gestioni previdenziali ed assistenziali, ovvero vi provvedono in misura inferiore a quella dovuta, sono tenuti, nel caso di mancato o ritardato pagamento di contributi o premi ...
INPS – Tasso degli interessi di differimento e misura delle sanzioni civili
L'Inps, con circolare numero 92 del 21 ottobre 2008, e l'Inail, con circolare numero 63 del 16 ottobre 2008, hanno reso noto che, rispettivamente, con decorrenza 15 e 8 ottobre 2008, la misura del tasso di dilazione, di differimento e le somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca