Quali sono i costi per la cancellazione e la restrizione di ipoteca giudiziale?

Domanda di Rocco
12 ottobre 2017 at 04:27

La banca, in seguito a mancato pagamento di un prestito chirografario e di un fido ha iscritto 2 ipoteche giudiziali, una di euro 75 mila ed una di euro 10 mila su tutti i beni di 2 soci.

Attualmente il debito è stato completamente saldato (a stralcio) e la banca ci ha rilasciato una liberatoria.

Ora, un socio, deve vendere un terreno, ma il compratore vuole che sia libero da ipoteche (anche se estinte).

1) quali sono i costi di restrizione (a parte la parcella del notaio)?

2) quali sono i costi di cancellazione totale (a parte la parcella del notaio)?

3) in caso di cancellazione totale, si ha bisogno del consenso dell'altro socio/garante? (potrebbe avere interesse a mantenere visibile l'ipoteca).

Risposta di Giorgio Valli
12 ottobre 2017 at 05:51

Com'è noto, il creditore può iscrivere ipoteca giudiziale sul bene immobile del debitore quando abbia ottenuto una sentenza di condanna all'adempimento del rimborso di un prestito o di una obbligazione oppure al pagamento di una somma a titolo di risarcimento dei danni.

Per ottenere la restrizione ipotecaria giudiziale è necessario preventivamente versare l'imposta dello 0,5% sul valore degli immobili liberati risultante dall'atto di consenso, fino a concorrenza della somma garantita da ipoteca. Per ottenere la cancellazione di ipoteca giudiziale occorre preventivamente versare l'imposta dello 0,5% calcolata sull'importo per cui l'ipoteca è stata iscritta.

Bisogna poi tener conto di una tassa fissa di 35 euro per ogni richiesta di restrizione o cancellazione.

Così dispone il decreto legislativo 347/1990. A questi oneri vanno poi aggiunti circa 100 euro per i diritti di Conservatoria (sempre per ciascuna istanza di restrizione o cancellazione).

Il socio in possesso del liberatoria rilasciata dal creditore, nonché dell'attestato di versamento delle imposte dovute, può richiede la cancellazione dell'ipoteca giudiziale gravante su un bene della società.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum - cliccare sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Ipoteca su più immobili - diritto alla restrizione a fronte di una riduzione dell'esposizione debitoria
Al verificarsi di quali condizioni il debitore può vantare un diritto alla restrizione dell'ipoteca, a fronte di una riduzione dell'esposizione debitoria a garanzia della quale l'ipoteca fu costituita? Le norme vigenti riconoscono il diritto del debitore alla restrizione dell'ipoteca, non solo nei termini di una riduzione del valore per cui [ ... leggi tutto » ]
Pubblicazione del protesto - tempi e costi di cancellazione
Il titolo di credito, che prevede il pagamento di una somma a favore di un creditore ad una scadenza certa, viene consegnato, se non coperto (cioè se non è pagato o non ci sono risorse per il pagamento presso la banca alla data indicata), dal creditore (privato o banca emittente) [ ... leggi tutto » ]
Iscrizione di ipoteca esattoriale – istanza di cancellazione delle ipoteche per debiti inferiori ad 8 mila euro
Dal 22 febbraio 2010 blocco delle iscrizioni ipotecarie sotto gli 8 mila euro: e per chi si trova nella situazione di avere un'ipoteca per debiti inferiori agli 8 mila euro, Equitalia ha messo a disposizione la modulistica con cui presentare l'istanza di cancellazione «che sarà effettuata», spiega Marco Cuccagna, direttore [ ... leggi tutto » ]
La cancellazione della ipoteca del mutuo
Il mutuo si estingue con il pagamento dell'ultima rata. La ipoteca che lo garantisce, invece, rimane in vita sino a quando siano trascorsi vent’anni dalla sua costituzione, in pratica da quando il mutuo è stato concesso (salvo rinnovo, in caso di mutuo di durata ultraventennale). Per i contratti di durata [ ... leggi tutto » ]
La restrizione di ipoteca è un diritto del debitore o una concessione della banca?
Come è noto, l'articolo 39, comma 5 del Testo Unico Bancario (TUB) riconosce al mutuatario il diritto di ottenere la parziale liberazione di uno o più immobili ipotecati se è intervenuta l'estinzione della quinta parte del debito originario e/o il valore dei beni in garanzia, post restrizione ipotecaria, risulta superiore [ ... leggi tutto » ]

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti