Restrizione di ipoteca trascritta a garanzia del mutuo concesso per acquisto di un appartamento con pertinenza successivamente alienata

Stai visualizzando 5 post - dal 1 a 5 (di 9 totali)

Restrizione ipotecaria a seguito di vendita di solo box auto, gravato da mutuo complessivo (con appartamento) per euro 112 mila e 800, stipulato nel 2010.

Quest’anno veniva venduto solo il box, la banca ha fatto periziare solo l’appartamento ovviamente, con una valutazione pari ad euro 84 mila euro.

Il debito residuo del mutuo, a marzo 2019 ammonta ad euro 89 mila. La banca riferiva che doveva garantire per eseguire la restrizione, la stessa percentuale d’intervento dell’ epoca, cioè l’80%.

Dai calcoli effettuati, la banca mi chiedeva circa 18.000 per completare la restrizione.

Mi sembra un’assurdità e incongruente con quanto disposto dal T.U.B. Potete darmi qualche info specifica e nel merito se è possibile?

Diciamo, che avendo pagato un quinto del capitale originario, in base all’articolo 39 comma 5 del Testo Unico Bancario (TUB) il debitore ha diritto ad una riduzione proporzionale del valore dell’ipoteca scritta sull’immobile (riduzione ipotecaria).

La banca, tuttavia asserisce che il valore dell’immobile ipotecato è stato ridotto in conseguenza dell’avvenuta alienazione del box. Pertanto, per procedere alla riduzione dell’ipoteca, ritiene che il debitore debba restituire il valore (da sottrarre al debito residuo) di quota parte del mutuo che fu concesso per l’acquisto del box, ora alienato senza autorizzazione, seppur gravato da garanzia ipotecaria.

Mi sembra che, messa in questi termini, la questione sia lineare e pacifica. Tanto è vero che, qualora la situazione rimanesse così come è, e il mutuatario smettesse di adempiere al pagamento delle rate del mutuo, il creditore avrebbe tutto il diritto di espropriare non solo la casa del mutuatario debitore, ma anche il box auto di proprietà dell’incauto acquirente.

10 Aprile 2019 · Simonetta Folliero

In occasione di vendita di box auto gravato da mutuo ipotecario, unitamente ad appartamento (quest’ultimo non venduto), si procedeva alla stipula di una scrittura privata autenticata con l’acquirente, consapevole del gravame indicato e disponibile al mantenimento dello stesso con spese rateali a mio carico. Questa situazione si verificava, a seguito di richiesta restrizione alla Banca, la quale dal calcolo non meglio specificato, faceva emergere un valore esorbitante rispetto alla stessa vendita, quindi non eseguibile da parte dello scrivente. Per tali motivi, la Banca può recriminare in seguito tale situazione, alla luce che questo passaggio mi è stato suggerito proprio da loro?

La banca ha richiesto la scrittura privata fra acquirente e venditore per regolarizzare la pratica, in particolare per perfezionare l’accollo interno rispetto al pagamento delle rate del mutuo, non certo come requisito necessario per concedere la riduzione ipotecaria a costo zero.

Se lei avesse richiesto la riduzione ipotecaria prima dell’alienazione del box, l’avrebbe certamente ottenuta senza sborsare un centesimo, per diritto, avendo già rimborsato il 20% del capitale originario del mutuo, come peraltro stabilito dal Testo Unico Bancario (TUB).

Avendo, invece, prima alienato il box, cioè parte dell’immobile senza preventiva autorizzazione (in pratica una quota del ricavato dalla vendita avrebbe dovuto essere rigirato alla banca come estinzione del mutuo a suo tempo virtualmente erogato per finanziare l’acquisto del box) adesso dovrà sottostare alle richieste del creditore, almeno che non voglia adire il giudice.

In realtà potrebbe rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) per verificare in prima battuta se ha ragione a pretendere la riduzione a costo zero: condizione necessaria per presentare ricorso all’ABF è, tuttavia, l’avere inoltrato un reclamo scritto, via raccomandata AR, alla banca, lamentando, sostanzialmente, quanto ha riportato nel quesito e chiedendo la riduzione a costi più contenuti.

Decorsi 30 giorni dalla data in cui il reclamo perviene al destinatario, in caso di silenzio o di risposta non soddisfacente, potrà rivolgersi direttamente all’ABF, previo versamento di 20 euro (contributo per le spese di procedura) che le saranno restituiti in caso di accoglimento del ricorso.

Non è richiesta assistenza tecnico legale, la procedura è assai semplice e si sostanzia nel riportare all’Arbitro quanto già contestato alla controparte in sede di reclamo.

Per presentare il ricorso online può seguire le istruzioni riportate qui.

10 Aprile 2019 · Rosaria Proietti

In realtà la situazione era già chiara, ma volevo capire come la Banca effettua il calcolo di restrizione, cioè il valore da sottrarre al debito residuo del mutuo, come viene ottenuto. Il mutuo non è frazionato tra appartamento e box, ma è complessivo, quindi la quota relativa al solo box come si evince. Inoltre, se non si procede (in quanto non risulta obbligatorio) alla restrizione ipotecaria, ma si continua a pagare regolarmente le rate potrebbero subentrare problemi? Si specifica, che tra il venditore e l’acquirente, proprio a causa della cifra sproporzionata richiesta dalla banca ai fini della restrizione, di comune accordo si è proceduti alla sottoscrizione di una scrittura privata autenticata, in cui l’acquirente ha accordato il gravame sul box ormai di sua proprietà, con specifica che le rate restavano ad onere del venditore.

Per determinare la quota di mutuo idealmente associato al box, il modo più semplice è effettuare una proporzione. Se indichiamo con MEB il mutuo erogato per l’acquisto del box (idealmente, poichè l’immobile non è frazionato fra appartamento e box); con MEI il capitale complessivo erogato per l’acquisto dell’immobile (comprendente appartamento e box); con VCB il valore commerciale attuale del box e con VCI il valore attuale commerciale dell’immobile; si ottiene: MEB = (VCB * MEI)/VCI.

Stimando il valore commerciale del box VCB (può adottare il ricavato dalla vendita) riuscirà ad ottenere MEB, cioè l’importo da versare alla banca per restringere l’ipoteca al solo appartamento, liberando dal gravame il box.

10 Aprile 2019 · Piero Ciottoli

La scrittura privata mi è stata suggerita dalla banca, ma non richiesta, inoltre come facevo a chiedere una restrizione ipotecaria prima di alienare un bene pertinenziale quando tale operazione serve per svincolare un bene pertinenza dal gravame dell’ipoteca, prima dell’operazione di vendita ciò non sarebbe potuto avvenire. Inoltre, a me interessava capire se sono OBBLIGATO a procedere con la restrizione oppure, a seguito di scrittura privata, avere la possibilità, concorde con l’acquirente, di continuare a pagare regolarmente le rate del mutuo senza procedere con l’operazione suddetta. La Banca potrebbe in futuro intervenire per richiedere la restrizione oppure, con il regolare pagamento delle rate eviterebbe tale procedura, dato che risulta un diritto accedervi per il mutuatario, ma non un obbligo?

Se l’acquirente non la mette in croce, accettando il rischio di vedersi espropriato il box qualora lei, in un momento di pazzia, decidesse di non pagare più le rate del mutuo, la restrizione dell’ipoteca al solo appartamento non sarebbe obbligatoria, non essendo mutate, per la banca le condizioni per cui il mutuo fu all’epoca erogato: stesso bene espropriabile (appartamento più box) e stesso mutuatario obbligato all’adempimento (l’acquirente in un accollo interno è trasparente alla banca).

10 Aprile 2019 · Simonetta Folliero

Stai visualizzando 5 post - dal 1 a 5 (di 9 totali)

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Restrizione ipotecaria - Le regole
Ho contratto nel 2015 un mutuo ipotecario con la banca: sul mutuo è iscritta un'ipoteca di primo grado sull'immobile che è costituito da appartamento e garage. Ho chiesto alla banca di ottenere la restrizione di ipoteca per poter vendere il garage. La banca mi ha risposto che ciò non è possibile perché appartamento e garage sono considerati un unico immobile. Vorrei sapere se la risposta fornita dalla mia banca sia corretta o se sia una forzatura della stessa banca rispetto a quanto stabilito dal Testo Unico Bancario (TUB) che prevede la restrizione ipotecaria. ...

Cosa vuol dire restrizione dell'ipoteca?
Tempo fa ho scoperto che c'era un ipoteca giudiziaria (seppur ineficacie poiche iscritta DOPO che il moroso mi avesse venduto l'appartamento) ho fatto il diavolo a quattro con Equitalia, che non si presenta in giudizio, ma trovo una annotazione recente di Equitalia che adesso il mio appartamento e in "restrizione di beni". Ecco il testo dell'annotazione: Equitalia consente la restrizione dei beni iscritti al catasto urbano del Comune di Milano (MI) e precisamente (qui c'è specificato il mio appartamento) - cioè il mio appartamento e stato liberato oppure questi hanno spostato l'ipoteca solo sul mio appartamento? ...

Sono debitore solidale per un mutuo concesso all'acquirente di un mio immobile e dopo 24 anni dalla vendita di un appartamento la banca mi chiede 35 mila euro per inadempimento - Ma non c'è prescrizione?
Dopo 24 anni dalla vendita di un appartamento, la Banca mi chiede di subentrare per il pagamento di un mutuo all'acquirente per circa 35 mila euro. Vi chiedo: ma non c'è un limite di tempo oltre il quale decade la garanzia in solido ! ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Restrizione di ipoteca trascritta a garanzia del mutuo concesso per acquisto di un appartamento con pertinenza successivamente alienata