Coronavirus e viaggi annullati – Meglio non demordere e ottenere i rimborsi o accontentarsi dei voucher?

Con l’aggravarsi dell’emergenza Coronavirus e lo stringersi delle misure di contenimento ho dovuto annullare il mio viaggio a Rio de Janeiro organizzato da diversi mesi.

La compagnia aerea di riferimento mi propone, in alternativa al rimborso, un buono da utilizzare in seguito (voucher).

Cosa mi consigliate?

Con l’emergenza Coronavirus ci sono state diverse violazioni dei diritti dei consumatori in relazione alle cancellazioni dei viaggi a causa dell’emergenza sanitaria, soprattutto per quanto riguarda le compagnie aeree europee.

I tour operator spesso emettono voucher sostitutivi invece di lasciare, come la legge prevede, la scelta aperta anche a viaggi sostitutivi o ad un rimborso.

Creando problemi in caso il consumatore non sia nelle condizioni di usufruire del voucher, o in caso debba riprenotare un volo a prezzi meno vantaggiosi.

O peggio, se nel frattempo l’hotel dovesse fallire.

Sappiamo che la crisi legata al Coronavirus ha colpito il settore dei trasporti e quello del turismo duramente ed è auspicabile che i consumatori adottino le decisioni riguardo la cancellazione ed il rimborso con senso di responsabilità.

Un voucher può essere accettabile in luogo di un rimborso cash, ma è ingiusto forzare il consumatore ad accettarlo e lo è ancora di più se non vi sono garanzie contro le insolvenze o non è concessa la possibilità di prorogarne la durata o riscattarlo in cash in caso di impossibilità ad utilizzarlo.

Come si potrebbe allora tutelare il consumatore?

Occorre un Fondo Europeo per l’emergenza COVID-19 nel settore dei viaggi.

Questo è quello che il BEUC, federazione delle associazioni dei consumatori a livello europeo, ha chiesto alla Commissione Europea, con una lettera indirizzata a Didier Reynders (Commissario per la Giustizia e i Consumatori), Adina Vălean (Commissiario ai Trasporti) and Thierry Breton (Commissario al Mercato Interno) il 2 Aprile”.

Anche la Commissione Europea peraltro si è espressa contro i voucher: in una intervista un portavoce dell’istituzione europea ha fatto notare che tale pratica viola i diritti dei consumatori riconosciuti dell’Ue.

9 Aprile 2020 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coronavirus e viaggi annullati: proposti buoni invece dei rimborsi - Una beffa ai danni dei consumatori?
A causa del Coronavirus mi è stato annullato un volo Alitalia: la compagnia aerea, invece di rimborsarmi la spesa, mi ha proposto un buono da spendere entro una certa data. E se l'emergenza continuasse? Non c'è il rischio che tutto ciò si trasformi in una beffa ai danni dei consumatori? ...

Coronavirus: voucher al posto dei rimborsi per viaggi annullati? - Interviene l'Agcm
Avevo prenotato un viaggio all'estero per Maggio 2020, che è dovuto essere annullato a causa delle restrizioni imposte dall'emergenza Coronavirus: per recuperare qualcosa il tour operator mi ha proposto un voucher da riutilizzare. In questo periodo, però, ho paura a viaggiare, e vorrei optare per un rimborso totale. E' possibile? ...

Coronavirus: volo cancellato con Ryanair? - O accetti il voucher o aspetti 12 mesi per il rimborso
A causa dell'emergenza Coronavirus mi sono stati cancellati due voli, andata e ritorno, dalla compagnia Ryanair: ancora non ho ricevuto rimborso ma mi è stato proposto un voucher per voli successivi (una sorta di buono), che vista la situazione probabilmente non utilizzerò mai. Cosa devo fare per ottenere il rimborso economico? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Coronavirus e viaggi annullati – Meglio non demordere e ottenere i rimborsi o accontentarsi dei voucher?