Coronavirus e concerti annullati – Prosegue senza sosta lo scandalo dei voucher

Avevo due date in programma per dei concerti live negli stadi quest’estate: entrambi sono stati annullati, ma non ho ricevuto il rimborso, bensì un buono (voucher) per degli eventi successivi.

E’ uno scandalo: possibile che nessuno faccia nulla?

Anche Paul McCartney, ex cantante dei Beatles, ha attaccato la misura dei voucher, adottata dal Governo italiano in sostituzione del rimborso per gli eventi annullati: il cantante, sfogandosi su Facebook, ha definito “scandaloso” il fatto che gli spettatori italiani dei suoi concerti cancellati non riceveranno rimborsi ma voucher.

Nel giorno che lo avrebbe dovuto vedere sul palco in piazza del Plebiscito a Napoli per il primo dei suoi due concerti italiani – cancellati a causa del Covid 19 – Sir Paul, in un lungo post scritto in italiano e pubblicato sulla sua pagina Facebook, ha puntato il dito contro i voucher, la misura adottata in sostituzione del rimborso in denaro per gli eventi annullati, e contro il Governo italiano e Assomusica.

Ha detto: È veramente scandaloso che coloro che hanno pagato un biglietto per uno show non possano riavere i loro soldi. Senza i fan non ci sarebbe musica dal vivo.

Un attacco frontale, che ha raggiunto il suo scopo.

Il ministro dei Beni e delle attività culturali, Dario Franceschini, è intervenuto cercando di mediare la discussione, mentre Assomusica ha reagito all’attacco dell’ex Beatles incalzando la polemica.

Franceschini ha tentato di smorzare i toni spiegando che la ratio della norma È che il voucher valga solo per un concerto dello stesso artista e che se questo non si terrà lo spettatore avrà diritto al rimborso. Il Parlamento credo potrà intervenire in conversione per togliere ogni dubbio interpretativo sulla norma.

L’intervento di Franceschini era stato chiesto anche dalle associazioni dei consumatori che hanno sostenuto la posizione di McCartney (da Codacons a Unc, passando per Aduc e Federconsumatori).

La ratio della norma è solo nella mente del ministro visto che la legge dice tutt’altro.

Il rimborso in denaro è escluso senza se e senza ma.

Speriamo che ora il Governo, coerentemente, presenti un emendamento di rilancio stracciando la norma attuale, prevedendo sia che il voucher sia solo una facoltà concessa al consumatore sia che, in caso di accettazione del voucher, sia comunque cedibile e, se non riscattato dopo il periodo di validità, sia rimborsato automaticamente.

12 Giugno 2020 · Patrizio Oliva

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?