indebitati.it - la comunità dei debitori e dei consumatori italiani    

Coronavirus e fase due: rincari su tutti i prodotti alimentari (e non) – I consigli per risparmiare

Da quanto è partita la fase due, con l’allentamento delle restrizioni imposte a causa dell’emergenza Coronavirus, ho notato che i negozianti stanno giocando al rialzo dei prezzi, forse per recuperare qualcosa: il problema è che tutto ciò va a discapito di noi consumatori.

Come fare per evitare di pagare più del dovuto?

La nuova fase dell’emergenza Coronavirus, partita il 18 maggio 2020, è iniziata con i rincari per caffè, alimentari e parrucchieri: le associazioni dei consumatori hanno denunciato una situazione generale che preoccupa considerando la lenta e difficile ripresa economica che ci attende dopo due mesi di lockdown.

Oltre al prezzo del caffè, proposto in alcuni bar di Milano, Firenze e Roma a costi maggiori (fino a 2 euro a Milano e 1,70 euro a Firenze), anche i parrucchieri avrebbero aumentato i prezzi come riportano Corriere e il Sole 24 Ore che parlano di costi in salita per fare uno shampoo o una messa in piega.

Tra i prodotti più cari anche i generi alimentari.

Dietro ai prezzi maggiori si nascondo ovviamente i costi a cui gli esercenti sono obbligati per far fronte all’emergenza coronavirus che alla fine ricadono sugli utenti finali.

Ovviamente si tratta di situazioni isolate e non generalizzate ma tenere sotto controllo.

Secondo Confcommercio, hanno riaperto quasi 800.000 imprese con una forte richiesta per moda e intimo.

FedermodaItalia ha fatto notare che i negozi hanno riaperto in sicurezza e c’è voglia di ritorno alla normalità mentre per Fipe la riapertura dei ristoranti è partita con un 70 per cento di riaperture ma personale ridotto del 40%.

Rimane comunque il settore alimentare quello in cui i rincari si sono fatti sentire di più.

Secondo Istat i prezzi sono aumentati in genere del 2,8% per il cibo e la città più colpita risulta essere Caltanissetta nella classifica stilata dall’Unione nazionale dei consumatori seguita da Trieste e Palermo. Siena, Macerata, Arezzo e Pistoia sono le più virtuose.

A tal proposito Altroconsumo e Coldiretti hanno stilato un decalogo per evitare il rincaro dei prezzi quando si fa la spesa.

Altroconsumo consiglia di fare a casa una lista della spesa ed attenersi a quella al momento degli acquisti. Quando si va a fare la spesa preferire orari meno affollati, durante l’ora di pranzo solitamente, per trovare meno gente e quindi avere più tempo per controllare i prezzi e le offerte. Evitare la sera per non rischiare di trovare scaffali vuoti.

Tra i consigli anche quello di acquistare i prodotti necessari senza fare acquisti compulsivi e preferire le materie prima e prodotti meno trasformati che costano meno.

Coldiretti invece consiglia di scegliere i prodotti italiani, di acquistare quantità limitate ripetute nel tempo per evitare sprechi e di scegliere i prodotti in base alla stagionalità.

20 maggio 2020 · Giovanni Napoletano

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

emergenza coronavirus o virus covid19
tutela consumatore - aumenti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?