Due famiglie anagrafiche conviventi nella medesima unità abitativa – Nuclei familiari e reddito di cittadinanza

Il mio nucleo familiare e stato di famiglia è composto solo dalla scrivente e da mio figlio minorenne: sono divorziata da oltre un anno e residente con mio figlio in un alloggio comunale ed ho già avuto dall’INPS il mio relativo ISEE / 2019.

La domanda è questa, assieme a me convive un altro uomo, nel caso prendesse la residenza nel mio stesso appartamento, questo soggetto è considerato “nucleo familiare” a sé stante e potrebbe avere un suo ISEE allo scopo di ottenere un suo reddito di cittadinanza?

Il nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente, Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 223/1989, stabilisce che agli effetti anagrafici per famiglia si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune.

Pertanto, quando il suo compagno signor C presenterà istanza agli uffici anagrafici per acquisire residenza presso di lei, l’ufficiale d’anagrafe chiederà anche una dichiarazione della famiglia anagrafica ospitante. In quella occasione lei dovrà affermare che con il signor C non intercorrono neanche rapporti di affettività e che il signor C viene accolto per motivi di lavoro, per seguire un proprio parente in degenza presso qualche vicino ospedale e cose di questo genere, richiedendo una nuova scheda anagrafica per il signor C, con la conseguente formazione di una nuova famiglia anagrafica, seppur convivente con quella che già risiede presso l’unità abitativa. Non è detto che l’ufficiale d’anagrafe accolga la richiesta, specie in questo periodo in cui, per accedere al reddito di cittadinanza, sono in corso numerosi trasferimenti fittizi di residenza e noi, che scriviamo, non conosciamo le istruzioni specifiche che sono state eventualmente impartite agli ufficiali d’anagrafe.

La questione è esiziale: perchè se l’ufficiale d’anagrafe include il signor C nella sua famiglia anagrafica – per capirci, nel suo stato di famiglia – allora il nucleo familiare di lei che ci scrive si arricchirà di un altro componente (il signor C, appunto) e va sempre ricordato che il reddito di cittadinanza viene assegnato al nucleo familiare (se possiede i requisiti) e non al singolo.

Invece, se si riesce a formare due famiglie anagrafiche diverse (con due stati di famiglia diversi, benché con la medesima residenza, i nuclei familiari saranno due, uno composto dal solo signor C, l’altro formato sempre da lei e da suo figlio minorenne, con la possibilità di accedere al reddito di cittadinanza per entrambi i nuclei familiari (sempre che ne posseggano i requisiti).

31 Gennaio 2019 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Nucleo familiare di una coppia di conviventi con figlio comune ma registrati in famiglie anagrafiche diverse
Sono legalmente separato con atto giudiziale e ho una nuova compagna con la quale ho avuto un figlio: il bambino è stato da me riconosciuto ed è fiscalmente a mio carico essendo la mia compagna disoccupata. Quando il bambino aveva circa 6 mesi, mi sono trasferito in appartamento con loro (quindi stesso indirizzo di residenza) indicando nella domanda il trasferimento con carattere di ospitalità. Nello stesso appartamento vive anche la madre della mia compagna. Da chi è composto il mio nucleo familiare ai fini ISEE? Nel caso in cui la mia compagna non rientri nel mio nucleo familiare, da chi ...

Reddito di cittadinanza e possibilità di regolarizzare la naturale ed effettiva composizione di nuclei familiari in realtà distinti ma inclusi (per pregresso disinteresse) nella stessa famiglia anagrafica
Ho 38 anni, sono laureata, disoccupata,residente con mia madre (ma non convivo con lei da più di 10 anni) che ha 69 anni e percepisce l'assegno sociale minimo quello di 453 euro con un fitto di locazione di 400 euro al mese. Vorrei sapere ai fini del reddito di cittadinanza e della pensione di cittadinanza come funziona nel nostro caso (in quanto nei fatti viviamo due situazioni economiche distinte). Lei può fare la domanda di pensione di cittadinanza indipendentemente da me anche se risultiamo nello stesso stato di famiglia? Se così non fosse posso cambiare la residenza attualmente e spostarla ...

Coinquilini comproprietari dell'unità abitativa - Il Comune si rifiuta di formare famiglie anagrafiche separate
Coinquilino A e coinquilino B hanno acquistato un immobile di cui sono proprietari ognuno del 50%: entrambi hanno la residenza in tale immobile, ma non hanno vincoli di parentela né di affetto. Hanno chiesto al comune di residenza di fare nucleo anagrafico separato per poter fare l'isee separato ed il comune si rifiuta. Per quale motivo? Cosa possono fare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Due famiglie anagrafiche conviventi nella medesima unità abitativa – Nuclei familiari e reddito di cittadinanza