Controproposta per offerta di saldo e stralcio avanzata da creditore


In risposta ad una lettera che mi esortava a pagare un debito contratto con una finanziaria ormai 10 anni fa’, ho richiesto alla società di recupero crediti che ha in mano la mia pratica, tutta la documentazione attestante il credito vantato (estratto conto cronologico, lettera cessione credito, etc.).

Ricevuta la documentazione sono stato ricontattato da un addetto che mi ha proposto 2 soluzioni: rientro con cambiali (che non accetterò mai), oppure un saldo e stralcio pari al 40% del debito totale (debito totale che ammonta a circa 40mila euro).
Ora, io sono nullatenente e non ho un lavoro fisso, non posso pagare nemmeno il 40% richiesto per chiudere la pratica. Mi è stata però offerta la possibilità di formulare una proposta di saldo e stralcio.

Non ho necessità di estinguere il debito, ma per una cifra molto più bassa di quella di partenza ci potrei pensare (anche perché in futuro chissà…). Ha senso offrire il 10% o poco più del debito iniziale?

Se il debitore non percepisce retribuzioni tracciabili, ed è praticamente nullatenente, ha, come si suol dire, il coltello dalla parte del manico: può pertanto offrire qualsiasi cifra a chiusura della posizione pendente, considerando che per il creditore l’alternativa è non riscuotere, che il credito è stato acquistato per qualche euro e che il diritto ad esigere l’importo preteso potrebbe essere addirittura prescritto.

1 Settembre 2020 · Ludmilla Karadzic



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Controproposta per offerta di saldo e stralcio avanzata da creditore