Oltre che la comunicazione di cessione del credito il debitore deve anche visionare una eventuale lettera di mandato a trattare? (ulteriori chiarimenti)

Chiedo chiarimenti riguardo questa risposta al mio precedente quesito: non ho ben compreso la risposta, pertanto riformulo la domanda cercando di spiegarmi meglio.

Avevo un debito con la società A che non sono riuscito a saldare. Qualche settimana fa vengo contattato da un'agenzia di recupero crediti Z che asserisce di avere l'incarico di recuperare il suddetto credito. Ho chiesto dei documenti a prova di ciò, in particolare mi sono fatto spedire via email l'estratto conto cronologico, copia del contratto di finanziamento e la lettera di cessione del credito.
Da quest'ultimo documento risulta che: A ha ceduto i diritti di credito ad un'altra società B. B ha dato mandato alla società C per recuperare e gestire il credito.
La società Z, da cui sono stato contattato, dice che C gli ha fornito l'incarico di recuperare il credito; questa affermazione tuttavia non trova riscontro nella lettera di cessione del credito inviatami.
Come riportato dal suddetto documento e come ribaditomi da Z, ogni mio eventuale pagamento dovrà essere corrisposto alla società titolare del diritto di credito, cioè B.

È un mio diritto obbligare Z a fornirmi un documento che provi quanto da lei asserito? E poi perché mai la società mandataria che si occupa di recuperare crediti per conto di altri, a sua volta dà incarico ad un'altra società per fare ciò che dovrebbe fare lei?

Le chiedo scusa per la risposta precedente: oggettivamente, la collega Annapaola è stata piuttosto ermetica.

Con la formula “pro solvendo” viene dato mandato alla società di recupero crediti di operare per conto della cedente con provvigioni sul recuperato. In caso di cessione con opzione “pro soluto”, invece, la società di recupero crediti cessionaria subentra in ogni diritto al creditore originario in relazione al credito ceduto.

Quindi, può capitare che una società cessionaria pro soluto ceda a sua volta il credito, oppure ne affidi il recupero ad altre mandatarie (cessione in modalità "pro solvendo"): quello che conta è che lei prenda visione degli originali delle comunicazioni di cessione del credito da A (creditore originario cedente) a B creditore cessionario. Pagando a B quanto stabilito in un accordo transattivo accettato da B (dovrà quindi disporre anche della comunicazione con cui B sottoscrive l'accordo) può anche disinteressarsi delle vicende che coinvolgono gli altri attori della filiera.

Volendo andare con i piedi di piombo, potrà anche preventivamente pretendere una comunicazione da parte della società B con la quale questa dichiari che, ancora alla data, la scrivente risulta essere l'unica titolata a riscuotere il credito vantato da A e da A ceduto.

20 marzo 2018 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cessione crediti – La notifica al debitore
La cessione del credito, disciplinata dall'articolo 1260 del Codice Civile, è stata riformata dall'Autorità per la tutela della privacy mediante il provvedimento del 18 gennaio 2007. Più semplice è adesso la procedura di informativa da produrre in caso di cessione dei crediti. La funzione dell'informativa, in questo ambito, è di ...
La notifica della cessione del credito e le implicazioni per il debitore
Come sappiamo il creditore C (tipicamente una banca o una finanziaria) che ha erogato il prestito al debitore D, può cedere il suo credito ad un soggetto terzo che indicheremo con T (tipicamente una società di recupero crediti). In un simile contesto, il creditore C viene indicato come creditore cedente, ...
Rescissione anticipata del contratto di credito al consumo con restituzione del bene - Vessatoria la clausola che obbliga il debitore a conferire mandato di vendita al meglio
Spesso nei contratti di finanziamento di credito al consumo finalizzati all'acquisto di un bene (in particolare per quel che attiene i veicoli) è prevista la possibilità di rescissione anticipata con contestuale obbligo per il debitore di mettere il bene a disposizione del creditore e di conferire a quest’ultimo mandato irrevocabile ...
Fermo amministrativo fuori tempo massimo » Equitalia deve risarcire il debitore
Equitalia è tenuta al risarcimento dei danni per il fermo amministrativo iscritto sull'auto nonostante il credito da recuperare sia ormai prescritto. A deciderlo sono stati i giudici della Ctp di Campobasso i quali, con la sentenza numero 182/1/2013, hanno riconosciuto quello che in gergo tecnico si chiama danno da lite ...
Contratti di prestito – credito su pegno e cessione del quinto
Nell'articolo affronteremo l'analisi di due caratteristici contratti di prestito: il credito su pegno e la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, entrambi appartenenti alla categoria dei contratti di credito al consumo non rivolti all'acquisto di specifici beni o servizi. La cessione del quinto è una forma di credito ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande