Drastici mutamenti (in peggio) della situazione economica e debiti divenuti insostenibili - Che fare?

Ho attivato tre finanziamenti, quando le mie entrate salariali documentate erano circa 2000 euro mensili. Pagando circa 1000 mensili per l'estinguere gli stessi. Arrivato il fatidico momento della pensione mi viene comunicato dall'istituto erogante che la stessa arriva a circa 600 euro mensili! Dovendoci vivere dignitosamente come devo comportarmi coi miei creditori?

Sono due le opzioni possibili: la prima, e si tratta di una scelta da bravo ragazzo, consiste nel rivolgersi ad un organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento (qui trova il link all'elenco - ci clicchi sopra) in modo che il giudice adito stabilisca, d'autorità, ex legge 3/2012, un piano di rientro (del consumatore) con rate mensili di entità compatibile con la sua nuova situazione economica di pensionato al di sotto della soglia di povertà (ammesso che l'impresa sia possibile).

L'altra opzione, da ragazzo cattivo, contempla, invece, l'interruzione immediata e permanente dei pagamenti mensili finalizzati a soddisfare i debiti assunti quando era ancora un lavoratore attivo, sulla base della consapevolezza che la sua pensione attuale è inferiore al minimo vitale e quindi, totalmente impignorabile.

Come vede, anche le pensioni minime hanno i loro vantaggi: il rovescio della medaglia è che con la seconda opzione i suoi familiari dovranno rinunciare all'eredità per non accollarsi i debiti residui e che lei potrebbe trovare chiuse le porte di accesso al credito se mai ne avesse bisogno (ma devo avvertirla che difficilmente, anche seguendo la strada da ragazzo buono, qualcuno potrebbe concederle un ulteriore prestito).

Quanto sopra, beninteso, vale solo qualora non sia previsto, nelle clausole dei contratti di finanziamento, in occasione del passaggio in quiescenza del debitore, il prelievo del capitale residuo dal Trattamento di Fine Servizio (TFS) maturato.

16 ottobre 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

minimo vitale
pignoramento pensione
sovraindebitamento e legge per la composizione delle crisi da sovraindebitamento - esdebitazione o esdebitamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

La cessione del quinto della pensione
La cessione del quinto della pensione è un prestito che il pensionato può ottenere da un istituto di credito e rimborsare attraverso un addebito automatico che l'Inps effettua sulla sua pensione. Il prelievo non può superare un quinto dell'importo mensile della pensione. La durata massima dei prestiti è di dieci ...
La nuova quota impignorabile della pensione (minimo vitale) è pari all'assegno sociale aumentato della metà
Com'è noto, per la determinazione della componente assoggettabile a pignoramento le cose sono differenti a seconda che si tratti di pensioni o stipendi. Per le pensioni entra in gioco il cosiddetto “minimo vitale impignorabile”: al pensionato, infatti, è stata riconosciuta fino ad oggi, in sede giudiziale di merito e di ...
Debiti insormontabili e rate di mutui o prestiti insostenibili? » Gli strumenti per la salvaguardia e la tutela del debitore insolvente
Dalla legge 3/12 sul sovraindebitamento, passando per la sospensione del mutuo, fino al consolidamento dei debiti: le ultime armi dei debitori insolventi, trovatisi con le spalle al muro, contro debiti, rate e prestiti ormai divenuti insostenibili. Debiti insormontabili, rate insostenibili, prestiti impossibili da onorare. Quando ci si trova ormai sul ...
Assegni a vuoto, utilizzo irregolare di carte di credito, debiti non saldati - Quando non è possibile fruire del prestito per l'anticipo della pensione (APE)
L'APE (Anticipo finanziario a garanzia pensionistica) volontaria può essere richiesto dagli iscritti all'assicurazione generale obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive della medesima e alla Gestione separata che, al momento della richiesta di APE, abbiano un'età anagrafica minima di 63 anni e che maturino il diritto a una pensione di vecchiaia ...
Reversibilità della pensione di invalidità al figlio maggiorenne - Solo se riconosciuto inabile al lavoro
In caso di morte del titolare di pensione di invalidità, la pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli minorenni, mentre ai figli superstiti maggiorenni spetta soltanto se essi siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest'ultimo. L'inabilità al lavoro rappresenta, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca