Azioni legali intraprese nei confronti del debitore in costanza di continuità di versamenti parziali della rata di rimborso

Argomenti correlati: ,

E’possibile intraprendere azioni legali contro il debitore, in costanza di continuita’ di versamenti, anche se parziali?

Il creditore a cui il debitore rimborsa le rate del prestito in misura minore a quella stabilita contrattualmente può, a sua scelta, eccepire la risoluzione del rapporto ed invocare la decadenza del beneficio del termine con la contestuale richiesta di adempimento del credito residuo in un’unica soluzione, oppure rivolgersi al giudice per chiedere ed ottenere un decreto ingiuntivo a carico del debitore per la riscossione coattiva delle somme a credito maturate fino alla data di presentazione del ricorso giudiziale (maggiorate, ovviamente, dalle spese di procedura e dagli interessi legali e moratori).

1 Agosto 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità e debiti - rinuncia con beneficio di inventario e altre azioni esecutive nei confronti del debitore erede
A seguito della risposta precedente: come fa la banca a intraprendere una riscossione coattiva dell'eredità spettante al debitore? Come viene informato il creditore dell'eredità del debitore? E, nel caso intervenisse un decreto ingiuntivo presso terzi (il datore di lavoro) per il pignoramento di un quinto dello stipendio, il creditore potrebbe ancora rifarsi sull'eredità o sul fondo pensione versato al fondo di previdenza complementare? Mi spiego meglio: Ho un debito di 60 mila euro con la banca. Il tribunale decide che devo pagare ogni mese 300 euro. Il che significherebbe 3600 euro all'anno e 36 mila euro dopo 10 anni; supponiamo ...

Il creditore può avviare contemporaneamente più azioni esecutive nei confronti del debitore
Il creditore può valersi cumulativamente dei diversi mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ma, su opposizione del debitore, il giudice dell'esecuzione, con ordinanza non impugnabile, può limitare l'espropriazione al mezzo che il creditore sceglie o, in mancanza, a quello che il giudice stesso determina (articolo 483 del codice di procedura civile). Anche la Suprema Corte (sentenza 6019/2017) ha ribadito che l'azione esecutiva può esplicarsi anche nella contemporanea aggressione, in forza di un unico titolo esecutivo, di diversi beni del medesimo debitore, senza dover attendere che il processo di espropriazione aperto dal primo pignoramento si concluda, atteso che il diritto ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Azioni legali intraprese nei confronti del debitore in costanza di continuità di versamenti parziali della rata di rimborso