Avviso di liquidazione dell'imposta di registro - sanzioni

In seguito ad un contenzioso civile (io attore) mi è arrivato un l'avviso di liquidazione dell'imposta di registro di atti di giustizia.

In pratica nel luglio 2004 ho depositato un esposto-querela nei confronti di una società che ha fornito/prodotto per la mia società, un prodotto che è risultato non conforme e che poi si è rivelata essere una ditta truffaldina sparita nel nulla.

A giugno di quest'anno mi arriva questa comunicazione dall'agenzia delle entrate dove mi si richiede il pagamento dell'imposto di registro (credo) per atti emessi da autorità giudiziaria.

Vorrei sapere:

- è un semplice conteggio o sono le imposte + sanzioni/interessi di mora per non averlo pagato prima?

- come viene calcolata l'imposta? Le voci contemplate sono 109T (400€) e 806T (17,50€)

- dato che dovrebbe essere in solido tra le parti, sbaglio se pago la metà?

Ho dovuto sostenere un sacco di spese per questo procedimento e parte convenuta sembra essere sparita nel nulla, secondo voi devo pagare?

Se non pago quanto potrebbe aumentare?

I termini di pagamento erano 60 gg dalla notifica (notifica del 28/05/15), quindi ormai posso anche aspettare il prossimo avviso oppure se pago adesso interrompo i termini?

Il codice tributo 109T è riferito a spese di giustizia per imposta relativa alla registrazione di denunce penali, mentre il codice 806T si riferisce a spese di notifica.

Le eventuali sanzioni nonché gli interessi per ritardato pagamento devono essere analiticamente indicati nell'atto. La loro assenza indica che l'Agenzia delle Entrate ha inteso procedere alla richiesta di versamento dell'imposta al termine del procedimento giudiziale (archiviazione o non luogo a procedere).

Non avendo ottemperato nei 60 giorni previsti, e trattandosi molto probabilmente di un accertamento immediatamente esecutivo, dovrà attendersi una procedura di riscossione coattiva gravata da interessi di mora, ed ulteriori spese di notifica (5,88 euro) oltre all'aggio (4,65% dell'importo complessivo in riscossione se si paga entro 60 giorni, 8% dopo i 60 giorni) dovuto al Concessionario. In pratica, il suo prossimo interlocutore sarà Equitalia.

Gli interessi di mora, dovuti all'Agenzia delle entrate, sono quantificati nella misura del 4,88% in ragione d'anno del tributo liquidato.

Quando l'obbligazione è in solido, vuol dire semplicemente che il creditore può esigere l'intero da uno qualsiasi degli obbligati. Pertanto, sbaglia se paga la metà di quanto le è stato richiesto.

Se paga adesso, l'importo versato costituirà solo una anticipo di quello che dovrà pagare con l'avvio della procedura di riscossione coattiva: inoltre avrà ottime probabilità di complicare la situazione e aggiungere il danno alla beffa.

4 settembre 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Avviso di accertamento per evasione imposta di registro - legittima la notifica al notaio
Per legge, il notaio che ha redatto l'atto ed ha richiesto la registrazione è obbligato (quale responsabile di imposta) in solido con la società (obbligato principale) al pagamento dell'imposta. Ne deriva che legittimamente l'Agenzia delle entrate può notificare l'avviso di liquidazione al notaio dal momento che la normativa vigente prevede, ...
Imposta di registro - prescrizione e decadenza
Ricordiamo che il termine di decadenza rappresenta il tempo massimo di legge entro cui la Pubblica Amministrazione deve notificare un atto di accertamento o un titolo esecutivo (avviso di rettifica o liquidazione, cartella esattoriale). Il termine di prescrizione rappresenta, invece, il tempo massimo entro cui, una volta notificata (correttamente) la ...
La convenienza del sistema prezzo valore nella determinazione della base imponibile per il calcolo dell'imposta di registro dovuta quando si acquista un immobile
Il sistema prezzo valore prevede la tassazione del trasferimento degli immobili sulla base del loro valore catastale, indipendentemente dal corrispettivo effettivamente pattuito e indicato nell'atto. La sua applicazione limita il potere di accertamento dell'Agenzia delle entrate, che non può presumere un maggior valore ai fini dell'imposta di registro. Il calcolo ...
Imposta di registro non pagata dal de cuius » Per gli eredi non c'è solidarietà tributaria
Imposta di registro: per i debiti del de cuius gli eredi rispondono solo pro quota. Gli eredi rispondono dei debiti del de cuius, ai fini dell'imposta di registro, solo pro quota. Negata, quindi, la corresponsabilità solidale. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22426/14. La Cassazione ...
Decadenza della pretesa di applicazione dell'aliquota ordinaria per l'imposta di registro conseguente a revoca delle agevolazioni fiscali connesse all'acquisto della prima casa
L'avviso di liquidazione dell'imposta di registro con aliquota ordinaria e connessa soprattassa, a carico del compratore di un immobile abitativo che abbia indebitamente goduto, in sede di registrazione del contratto, del trattamento agevolato per l'acquisto della prima casa, è soggetto a termine triennale di decadenza. Tale termine di decadenza decorre ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca