Separazione consensuale – Il pignoramento mobiliare può essere effettuato presso la residenza del coniuge separato non debitore?

Qualora i coniugi siano in separazione dei beni e siano separati consensualmente, posto che hanno residenza e utenze in luoghi differenti, che è fissato un importo alimentare ma che un coniuge può avere accesso liberamente alla ex casa coniugale per visitare i figli ivi residenti, quale strumento può utilizzare il creditore per attivare una procedura di pignoramento mobiliare presso il coniuge non debitore (ove risiedono i figli maggiorenni e autonomi economicamente).

Per poter procedere al pignoramento presso la residenza del coniuge separato non debitore, il creditore dovrebbe dimostrare che l’obbligato domicilia abitualmente proprio presso il coniuge separato non debitore, il che porterebbe a presumere legalmente, salvo prova contraria, che mobili, arredi e quant’altro rinvenuto negli spazi in cui il debitore vive, risultino di sua esclusiva proprietà.

24 Agosto 2017 · Roberto Petrella



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti