Separazione consensuale – Il pignoramento mobiliare può essere effettuato presso la residenza del coniuge separato non debitore?

Qualora i coniugi siano in separazione dei beni e siano separati consensualmente, posto che hanno residenza e utenze in luoghi differenti, che è fissato un importo alimentare ma che un coniuge può avere accesso liberamente alla ex casa coniugale per visitare i figli ivi residenti, quale strumento può utilizzare il creditore per attivare una procedura di pignoramento mobiliare presso il coniuge non debitore (ove risiedono i figli maggiorenni e autonomi economicamente).

Per poter procedere al pignoramento presso la residenza del coniuge separato non debitore, il creditore dovrebbe dimostrare che l’obbligato domicilia abitualmente proprio presso il coniuge separato non debitore, il che porterebbe a presumere legalmente, salvo prova contraria, che mobili, arredi e quant’altro rinvenuto negli spazi in cui il debitore vive, risultino di sua esclusiva proprietà.

24 Agosto 2017 · Roberto Petrella

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avviso di giacenza in luogo diverso dalla residenza del debitore - Comportamento del custode dello stabile in cui risiede il coniuge separato del debitore
Il creditore può chiedere all'ufficiale giudiziario di recarsi nei luoghi dove egli può notificare gli atti al debitore e "dimenticarsi" che è separato. Tra questi può esservi l'ex domicilio del coniuge separato, che frequenta la casa per i figli ivi residenti, non vi è nessun altro elemento presuntivo del domicilio. Può avvenire però che il custode accetti l'avviso di giacenza di un atto giudiziario indicante il nome del debitore "presso .......", ovvero l'ex coniuge. -In che modo si può intimare formalmente e rispettosamente al custode di non ritirare la corrispondenza, gli atti giudiziari e gli avvisi di giacenza, senza informarla ...

Separazione consensuale con accordo già sottoscritto - Il coniuge separato esita a produrre certificato di residenza per avviare ricorso congiunto
- mio figlio si sta separando da convivente (nuora), con cui ha avuto tre figli; - dopo un anno di tira molla hanno sottoscritto con avvocati di parte scrittura privata e ricorso congiunto - convivente (nuora) ha già cambiato residenza con i tre figli e convive con altra persona (con cui ha costituito nuovo nucleo famigliare-unico stato di famiglia) - per depositare ricorso congiunto è necessario certificato contestuale residenza e stato di famiglia che convivente esita a produrre perché non vuole coinvolgere nuovo convivente (che è nello stato famiglia) - cosa succede se mio avvocato deposita ricorso congiunto senza questo ...

Separazione legale - Per quali debiti sottoscritti dall'altro coniuge durante la convivenza potrebbe essere chiamato a rimborsare il coniuge separato non debitore?
Il sottoscritto è separato di fatto da due anni e mezzo ed ha avviato la separazione giudiziale: sapendo che l'altro coniuge ha molti debiti (sostanzialmente per multe, bollo e assicurazione macchina personale e altro per lo più debiti di carattere personale) trovandosi in una situazione di comunione dei beni e considerando che l'altro coniuge lavora ma ha un basso reddito, in caso di separazione giudiziale quali debiti o in quale percentuale questi possono ricadere sul sottoscritto. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Separazione consensuale – Il pignoramento mobiliare può essere effettuato presso la residenza del coniuge separato non debitore?