Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza

La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato.

Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, dimora, sono rilevanti solo nell'ipotesi in cui la notifica non sia stata effettuata nelle mani del destinatario.

In pratica la notifica, effettuata direttamente nelle mani del destinatario, in particolare della cartella esattoriale relativa a sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, è legittima, anche se perfezionata in luogo diverso da quello in cui il destinatario ha la normale residenza o domicilio, dal momento che viene comunque raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato.

Così ha ritenuto la Corte di cassazione nella sentenza 14083/15.

9 luglio 2015 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Nulla la notifica ad un familiare se non effettuata presso la residenza del destinatario dell'atto
La giurisprudenza di legittimità statuisce che qualsiasi atto va notificato, anche a mani di familiare convivente con il destinatario, ma nella residenza di quest’ultimo, pena la nullità della notifica. Infatti, secondo i giudici di legittimità, la notifica va ritenuta nulla quando la persona di famiglia riceva l'atto nel proprio appartamento, ...
Legittima la notifica della cartella esattoriale effettuata presso la residenza del debitore e non al domicilio fiscale trattandosi di procedura più garantista per il contribuente
La disciplina delle notifica degli atti tributari (compresa la cartella esattoriale originata da mancato o insufficiente pagamento dei tributi) si fonda sul criterio del domicilio fiscale al quale, tuttavia, è connesso l'onere preventivo del contribuente di indicare all'Ufficio tributario il proprio domicilio fiscale e di tenere detto ufficio costantemente informato ...
Notifica degli atti - Legittima se perfezionata al domicilio abituale del destinatario e non alla sua residenza anagrafica
Ai fini della determinazione del luogo di residenza o dimora della persona destinataria della notifica, rileva esclusivamente il luogo ove essa dimora di fatto in modo abituale, rivestendo le risultanze anagrafiche mero valore presuntivo circa il luogo di residenza e potendo essere superate, in quanto tali, da una prova contraria, ...
Notifica degli atti al vecchio indirizzo di residenza - Nulla anche se perfezionata nella mani di un parente stretto
La notifica di un atto non effettuata nel luogo di abitazione del destinatario nel suo Comune di residenza (come risultante dal certificato anagrafico), ma nel diverso luogo di abitazione di un parente stretto, che lo ha ricevuto in tale qualità, è viziata da nullità. Anche se il luogo di notifica ...
Nulla la notifica effettuata nelle mani di un familiare presso la sua residenza diversa da quella del destinatario
In tema di notifica effettuata a mani di un familiare del destinatario, la presunzione di convivenza non opera nel caso in cui la notifica sia stata eseguita nella residenza propria del familiare, diversa da quella del destinatario dell'atto, con conseguente nullità della notifica stessa, non potendosi ritenere avverato il presupposto ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza. Clicca qui.

Stai leggendo Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 9 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 17 giugno 2018 Classificato nella categoria notifica della cartella esattoriale e degli atti impositivi in generale Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • beppe666 10 agosto 2015 at 18:01

    È possibile che Equitalia attui un duplice pignoramento del 10% sullo stipendio mio e di mia moglie presso i datori di lavoro e del 10% degli stipendi (meno il 10% decurtati alla fonte)quando confluiscono sul conto e attuare anche il fermo amministrativo dell’auto,e ancora può Equitalia attuare un pignoramento sul mio stipendio anche se a tempo determinato (scadenza contratto 30/09/2105)spero di essere stato chiaro.

    • Annapaola Ferri 10 agosto 2015 at 18:30

      Lei è stato chiaro, ma io faccio fatica a comprendere ciò che scrive (colpa mia, s’intende). Comunque, lei e sua moglie siete entrambi debitori della Pubblica Amministrazione (ciascuno per un importo specifico) ed Equitalia può mettere in atto tutte le azioni esecutive che ritiene opportune per recuperare i crediti vantati dalla PA, anche contemporaneamente.

  • beppe666 10 agosto 2015 at 14:49

    Buon giorno
    Mi sono state notificate due ar (raccomandate) da equitalia della somma dovuta di 10 mila euro(6000,00 a mia moglie e 3000,00 a me) con cui mi si sollecita di pagare entro 60 giorni altrimenti il forzato recupero da parte di Equitalia(abbiamo la comunione dei beni). Ora non posso chiedere la rateizzazzione perchè non ce la faccio comunque a pagare. Cosa dovrò aspettarmi visto che ho un cc cointestato a me e a mia moglie(fluiscono solo gli stipendi mio e di mia moglie), ho una macchina di 11 anni intestata a mia moglie, mia moglie ha un lavoro part-time a tempo indeterminato con uno stipendio di circa 500 euro. Io ho un lavoro a tempo pieno a tempo determinato (scadenza contratto fine settempre 2015) stipendio di circa 1600 euro,viviamo in casa in affitto mobili da mercatoneuno, tra breve riceverò il tfr per la fine del contratto di lavoro possono toccare anche questo?

    • Annapaola Ferri 10 agosto 2015 at 15:06

      Purtroppo, dovrà aspettarsi il pignoramento degli stipendi, suo e di sua moglie, nella misura del 10%.

      Fino a quando il TFR resterà presso il datore di lavoro, potrà essere pignorato per il 20%.

      Appena confluirà sul conto corrente, il TFR potrà essere pignorato nella sua interezza, insieme alle altre liquidità disponibili, fino a soddisfacimento del debito per cui Equitalia agisce.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca