Avviso di accertamento Tarsu ormai decaduto - Come fare se se ne inventano una al giorno per imbrogliare i cittadini?

Ho ricevuto dal comune di Bologna avviso di accertamento per omesso pagamento TARSU 2011 con notifica 11 dicembre 2017.

Al call center mi hanno spiegato che i termini di prescrizione decorrono non dal 2011 ma dalla data dell'ultima possibile variazione dei contributi che é il 31 dicembre 2012 (per cui la prescrizione scadrebbe il 31 dicembre 2017).

Ma che imbroglio é questo della ultima possibile variazione?

In caso di omessa denuncia di occupazione di un immobile ai fini della Tassa Ambientale (per lo smaltimento dei) Rifiuti Solidi Urbani (TARSU), Il Comune deve emettere un avviso di accertamento entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la denuncia avrebbe dovuto essere presentata.

E, fin qui, ci siamo.

Tuttavia, la denuncia di occupazione ai fini TARSU per l'anno X avrebbe dovuto essere presentata entro il 20 gennaio dell'anno X+1. In pratica, la denuncia di occupazione immobile ai fini TARSU per l'anno 2011 doveva essere presentata entro il 20 gennaio 2012.

Questo è stato l'escamotage adottato per spostare di un anno i termini di decadenza dal potere di accertamento per la TARSU. Nel suo caso, quindi, l'avviso di accertamento per il 2011 risulta correttamente notificato entro il 31 dicembre 2017, dovendosi iniziare il conteggio del quinquennio a partire dal 31 dicembre 2013.

Sempre di imbroglio si tratta, ma forse la spiegazione è più razionale di quella fornita al call center.

12 dicembre 2017 · Giorgio Valli

Altre discussioni simili nel forum

accertamento per TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca