Avviso di accertamento per omessa presentazione della dichiarazione IMU - Sono passati più di cinque anni, devo pagare?

Il 7 marzo 2018 il mio comune mi ha notificato un avviso di accertamento dell'imposta municipale propria (IMU) anno 2012, del 20 febbraio 2018, dicendo che la violazione accertata è l'omessa presentazione della dichiarazione IMU.

Specifico che l'appartamento oggetto della violazione mi è stato assegnato dalla cooperativa costruttrice in via provvisoria in data 25 marzo 2011 mentre il rogito notarile è stato fatto il 12 giugno 2012. Aggiungo che nel 2012 ho pagato l'IMU per il periodo che va dal 1 giugno 2012 al 31 dicembre 2012.

La dichiarazione non è stata fatta perché non lo sapevo. Chiedo se è giusto e se devo pagare visto che sono passati più di cinque anni.

Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, quale l'IMU, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati (Legge 27 dicembre 2006, numero 296, articolo 1, comma 161).

Secondo l'articolo 13, comma 12 ter del decreto legge 201/2011 i soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio. Lei avrebbe dovuto presentarla entro il 12 giugno 2013.

Pertanto il Comune, aveva tempo fino al 31 dicembre 2018 per notificarle un avviso di accertamento per omessa dichiarazione (nonostante lei abbia pagato nel 2012 l'IMU per il periodo che va dal primo giugno 2012 al 31 dicembre 2012, la dichiarazione è importante dal momento che senza di essa non è possibile stabilire l'importo dovuto).

Purtroppo, non resta che adempiere.

11 aprile 2018 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accertamento per TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI
prescrizione e decadenza dei tributi locali - IUC TASI TARI TARES IMU TARSU TIA ICI

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi - il contribuente non è esente da colpa per il solo fatto di aver incaricato un professionista per i relativi adempimenti
La violazione delle norme tributarie suscettibile di sanzione da parte della legge richiede che il comportamento addebitato sia posto in essere con dolo o anche colpa: il contribuente a cui venga contestata la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e l'omessa tenuta delle scritture contabili obbligatorie non può considerarsi esente ...
In giudizio Equitalia deve esibire l'avviso di ricevimento anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica della cartella esattoriale
Grava su Equitalia l'onere di provare la regolare notifica delle cartelle esattoriali poste a base dell'azione esecutiva: tale onere deve essere assolto mediante produzione in giudizio della relata di notifica, ovvero dell'avviso di ricevimento (anche detta ricevuta di ritorno), essendo esclusa la possibilità di ricorrere a documenti equipollenti, quali, ad ...
L'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi incombe sul contribuente e non sul commercialista
L'obbligo della presentazione della dichiarazione dei redditi incombe direttamente sul contribuente e, in caso di persone giuridiche, su chi ne abbia la legale rappresentanza, tenuto a sottoscrivere la dichiarazione a pena di nullità. II fatto che il contribuente possa avvalersi di persone incaricate della materiale predisposizione e trasmissione della dichiarazione ...
Accesso agli atti - Anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica, il debitore deve poter prendere visione delle cartelle esattoriali non ancora prescritte
Come previsto dalla normative vigente, il concessionario della riscossione deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. Infatti, il debitore vanta un interesse concreto ed ...
Prescrizione biennale per i conguagli relativi a consumi di luce e gas - Ma, alla fin fine, si dovrà comunque pagare il conguaglio ultra biennale e ricorrere al Giudice per ottenere il rimborso della pretesa prescritta
In passato, le associazioni di consumatori hanno spesso segnalato le gravi anomalie emerse nel sistema di fatturazione all'utenza di energia elettrica e gas, consistenti in particolare nell'addebito di conguagli derivanti dalla mancata lettura del misuratore (contatore) che portano alla rilevazione delle cosiddette rettifiche tardive dei dati di misura da parte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca